10:12 18 Aprile 2024

Capricci di primavera anche nel week-end: ancora ACQUAZZONI e NEVICATE in Appennino

Fine settimana ancora instabile sull'Italia stante il perdurare di correnti fredde da nord-est che scorreranno sul bordo orientale di un vasto anticiclone che si posizionerà in sede inglese.

Sarà un week-end molto diverso rispetto a quello della settimana scorsa. L’alta pressione porterà un massimo in prossimità delle Isole Britanniche, mentre l’Europa centro-meridionale ed il bacino del Mediterraneo resteranno sotto un flusso di correnti fredde da nord-est con tempo instabile e temperature piuttosto basse, specie nella giornata di domenica.

La mappa sinottica che vi mostriamo riguarda la notte tra sabato 20 e domenica 21 aprile:

Sembra una situazione invernale a tutti gli effetti. Alta pressione forte in sede inglese ed aria fredda ed instabile sull’Italia e sull’Europa centro-orientale. Il tempo atteso in Italia con una configurazione del genere non potrà che essere “capriccioso” con rischio di acquazzoni e nevicate in Appennino a quote non troppo elevate.

Iniziamo con la sommatoria delle precipitazioni attese in Italia nella giornata di sabato 20 aprile:

Gli acquazzoni ed i temporali interesseranno segnatamente le regioni centrali e parte del meridione, con quota neve attorno a 1200-1400 metri in Appennino. Qualche rovescio non si esclude anche sull’Emilia Romagna, mentre al nord, sulle Isole e all’estremo sud la situazione meteo sarà migliore con rischio di rovesci più basso.

Nella giornata di domenica 21 aprile inizierà sull’Italia un nuovo e più consistente afflusso di aria fredda dai quadranti orientali che dovrebbe culminare all’inizio della settimana prossima con nevicate anche a bassa quota al nord. La sommatoria delle precipitazioni attese in Italia nell’arco della giornata festiva sarà la seguente:

Rovesci sul medio-basso Adriatico con quota neve in calo fino a 1000 metri in Appennino. In giornata arriveranno rovesci anche sul nord-ovest con la neve che potrebbe farsi vedere in serata oltre gli 800-1000 metri; piovaschi maggiormente disorganizzati sul restante settentrione e al meridione, mentre sulle Isole ed il medio versante tirrenico il tempo si prevede asciutto. Temperature in calo.