10:56 17 Maggio 2024

Ecco le aree più colpite dal maltempo tra il 20 e il 24 maggio (mappe)

Questa volta cambia l'obiettivo del maltempo.

Nuovi allagamenti, rischio di frane, smottamenti ed esondazioni di fiumi e torrenti. E’ la sintesi del tempo previsto per la prossima settimana su molte regioni italiane, specie tra il 20 e il 24 maggio, ma con asse portante delle correnti instabili che non sarà più diretto da SSW verso NNE, ma da SW verso nord-est.

Direte: embè, cosa cambia? Tanto. Il nord-ovest è meno coinvolto rispetto a questo tipo di correnti, perché ne riceve la parziale schermatura appenninica, la corrente a getto in alta quota, disposta tra le regioni centrali e quelle di nord-est, favorirà divergenza in quota e convergenza al suolo, esaltando la fenomenologia su Toscana, Umbria, Triveneto ed Emilia-Romagna e costruendo temporali ad asse obliquo molto insidiosi.

Facile dunque ipotizzare dunque che i fenomeni più intensi colpiscano proprio le regioni citate e in misura molto pesante Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Ci sono però altri modelli che propendono ancora per una curvatura ciclonica più marcata con correnti prevalenti da SSW e in questo caso a fare il pieno sarebbe ancora la Lombardia, Emilia occidentale, levante ligure, alta Toscana, come vediamo qui sotto:

L’indecisione diventa sovrana se si consultano ancora altri modelli sempre per lo stesso intervallo temporale tra lunedì 20 e giovedì 23 maggio: tutti vedono il peggioramento ma basta un leggero spostamento dell’asse della saccatura e tu vedi molta pioggia e il tuo vicino molta meno:

In ogni caso due cose saltano all’occhio:
1- il maltempo sarà ancora molto incisivo tra nord e parte del centro e non è una buona notizia
2-il sud ne verrà ancora una volta quasi totalmente risparmiato, specie basso Adriatico e Sicilia e anche questa non è una bella notizia.