19:50 17 Maggio 2024

Giugno, l’Estate parte già in difficoltà?

Avvio dell'Estate meteorologica tra tante difficoltà. Anticiclone molto debole e ancora temporali?

Il finale di primavera meteorologica si sta rivelando particolarmente turbolento e ricco di insidie, a causa di frequenti perturbazioni atlantiche che impediscono all’anticiclone di appropriarsi del Mediterraneo. Naturalmente questa situazione abbastanza estrema è figlia di una disposizione delle figure bariche a macro-scala molto più complessa. Per quanto riguarda il comparto europeo troviamo la presenza di un campo di alta pressione abbastanza statico e anomalo tra la Gran Bretagna e la Scandinavia, ragion per cui troviamo un tunnel depressionario che dall’Atlantico si getta con grande facilità sul Mediterraneo dando vita a tante ondate di maltempo.

Queste figure bariche persistenti faticano a risolversi in breve tempo, come ad esempio gli opprimenti anticicloni ad Omega che più volte abbiamo commentato all’interno del Mediterraneo nei mesi scorsi. Ciò significa che potremmo avere a che fare con tempo molto dinamico e perturbato almeno per qualche altra settimana, quando ormai ci troveremo all’esordio dell’estate meteorologica.

Non a caso, gli ultimissimi aggiornamenti dei modelli matematici propongono una persistenza di questi flussi atlantici all’interno del Mediterraneo, i quali comporterebbero frequenti acquazzoni e temporali soprattutto durante le ore pomeridiane e serali.

Anche la media degli scenari del modello americano GFS insiste su questa tendenza abbastanza turbolenta legata a correnti provenienti da ovest che vanno ad interagire col nostro territorio garantendo la formazione di tanti rovesci e temporali. Considerando che ormai il soleggiamento diurno inizia ad essere molto efficace nel riscaldare i terreni e i versanti montuosi, è lecito aspettarsi frequente instabilità convettiva nelle ore pomeridiane e serali, soprattutto sul Centro Nord Italia.

Le alte pressioni, invece, faticheranno a mostrarsi sulla nostra penisola per periodi prolungati, eccezion fatta per qualche giornata un po’ più stabile ma del tutto fisiologica. Dunque, per l’esordio di giugno ci aspettiamo un andamento ancora abbastanza inaffidabile e instabile, dove l’ombrello potrebbe essere un nostro fedele alleato, soprattutto durante i pomeriggi e le prime ore della sera.