18:41 1 Marzo 2024

Ennesima depressione tra domenica e lunedì, torna anche il FREDDO

Maltempo e calo delle temperature da domenica, rischio nubifragi su alcune regioni.

Mentre si esauriscono le ultime piogge legate al fronte occluso della perturbazione dei giorni scorsi, l’attenzione si sposta al prossimo peggioramento sulla tabella di marcia. Una nuova perturbazione atlantica, che in queste ore sta approcciando le coste atlantiche francesi, è destinata a scivolare sul Mediterraneo dove si evolverà in un nuovo ciclone particolarmente insidioso.

Secondo le ultime proiezioni modellistiche è molto probabile che il vortice raggiunga un minimo di pressione vicino ai 993 hpa tra la costa Azzurra e il mar Ligure. Questo vortice innescherà precipitazioni forti tra sabato sera e domenica su gran parte del nord, specie sul Nord-ovest, tra i principali protagonisti del maltempo degli ultimi giorni.

Nella mappa di seguito possiamo osservare le piogge totali che precipiteranno fino a lunedì, durante tutto l’arco dell’ondata di maltempo. Il Nord-ovest sarà il settore più colpito: si prevedono fino a 200 mm di pioggia tra alto Piemonte e Valle d’Aosta, accumuli che si tradurranno in almeno 1,5/2 metri di neve in alta quota, oltre i 1400-1500 metri. Alle basse quote sarà presente il rischio nubifragi con annessi disagi.
Sul resto d’Italia si evince una maggior presenza di piogge sul lato tirrenico a discapito del versante adriatico che vedrà fenomeni molto rapidi nella giornata di lunedì.

Con l’avanzata del fronte freddo di questa depressione torneremo a fare i conti con temperature più invernali. Entro lunedì irromperà l’isoterma 0 a 850hpa, segno di aria più fredda polare marittima. Questa irruzione d’aria più fredda permetterà alle temperature di scendere nettamente su gran parte d’Italia, soprattutto al centro e al sud. Le massime di lunedì, infatti, faticano a salire oltre i 7-9°C su tante località del centro Italia ed anche nei settori interni del sud.