23:40 10 Giugno 2024

L’estate vera? Il nord per un pezzo se la scorda, ma anche sul resto d’Italia azioni di disturbo

Vampate calde? Si, ma solo temporanee, le bordate temporalesche non mancheranno per gran parte di giugno, specie al nord.

Osservando le mappe meteo non ci vuole molto a capire che l’evoluzione del tempo per il resto del mese di giugno sarà caratterizzata da costanti disturbi da parte di saccature (e dunque di fronti temporaleschi) su nord e parte del centro del Paese, con qualche riflesso non escluso al sud.

In un contesto simile, il caldo vero, quello che persiste con cieli sereni dall’alba al tramonto e che non lascia spazio a temporali e che va avanti per giorni e giorni, è chiaro che non si vede, addirittura nemmeno al sud, stando alle ultime proiezioni, perché si vede anche il possibile sconfinamento di una goccia fredda persino sul meridione.

Certo, qualche momento caldo non mancherà da nord a sud, specie da domenica 16 sino a martedì 19 giugno, ma subito dopo saranno i temporali a sopraffare l’anticiclone e a respingere il caldo al mittente, cioè sul nord Africa, segnatamente al nord.

Insomma stiamo vivendo una situazione che vedrà spesso parte del Paese soggetta a sbalzi termici e ad una stabilità assoluta, cioè la classica calma estiva, ancora lontana, lo si vede qui nell’analisi per mercoledì 12:

E lo si vede qui nell’unico tentativo del caldo di prendersi tutta la Penisola tra il 17 e il 19 giugno:

E infine lo sfondamento dell’aria fresca per giovedì 20 giugno con piogge e temporali al nord e sulla Toscana, in successivo sconfinamento verso il resto del Paese:

Dunque si evince che l’Atlantico ribatterà colpo su colpo alle iniziative dell’anticiclone africano, rimandando l’ingresso trionfalistico delle calme estive a data da destinarsi, soprattutto al nord.