12:47 29 Febbraio 2024

CO2 catturata: il contrattacco al Global Warming è realtà!

Partono concretamente le iniziative per ridurre l'impatto del riscaldamento indotto dalle aumentate concentrate di CO2.

Catturare direttamente CO2 dall’oceano non è più un’utopia, Singapore lo farà davvero e produrrà idrogeno. Dal 2025 sequestrerà 110mila tonnellate di CO2 dall’oceano in 365 giorni.

Dopo ripetuti test che hanno comprovato l’efficacia dell’impianto, era è tutto pronto per farlo entrare in funzione: si, avete capito bene, verrà catturata CO2 direttamente dall’oceano.

Da gennaio 2025 l’impianto sarà in grado di sequestrare 110mila tonnellate di CO2 dall’oceano, l’equivalente delle emissioni generate ogni anno dalle persone di un villaggio di circa 25mila persone. E dove verrà intrappolata questa CO2? Nel calcare, in forma solida, garantendo che non passino più in atmosfera per almeno 10.000 anni.

Come si chiama questo impianto? Equatic-1.
E quanto è costato? Circa 20 milioni di dollari.
Ne è presente uno gemello al porto di Los Angeles, installato nell’aprile del 2023

E’ molto complessa la procedura per arrivare ad intrappolare la CO2?
Viene sfruttato il processo di elettrolisi: in pratica l’acqua di mare viene pompata nell’impianto di desalinizzazione, dove avviene la separazione da idrogeno e ossigeno.

La CO2 catturata si combina con minerali presenti nell’acqua di mare, calcio e magnesio, diventando calcare solido e il gioco è fatto: la CO2 ne rimane intrappolata.

E cosa accade se sottraiamo CO2 dall’acqua di mare? Ne aumentiamo la capacità di assorbimento dall’atmosfera; in pratica l’oceano diventa un grande sacco in cui infilarci altro carbonio, un aiuto in più contro il global warming. come pozzo di carbonio e la funzione di cuscinetto essenziale contro il riscaldamento globale.
E pensate che il calcare solido può diventare materiale utile per l’edilizia, così come l’idrogeno ottenuto potrà trovare applicazione nell’industria.

Quindi eliminare CO2 e mitigare gli effetti di parte del riscaldamento globale sta diventando realtà, rimuovendo una buona quantità di anidride carbonica su scala globale, chissà quanti impianti potranno infatti nascere su questo esempio.