14:39 11 Aprile 2024

Meteo 15 giorni: verso il MALTEMPO con anche un po’ di FREDDO

Dopo la fase calda che ci interesserà nel week-end, la prossima settimana avremo un tempo tutto diverso che potrebbe compromettere quasi tutta la seconda parte di aprile. Cosa ci dicono i modelli in merito a questa evoluzione?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La fase calda che ci interesserà durante il fine settimana non avrà vita lunga (Il caldo anomalo del week-end NON durerà: in vista ACQUAZZONI ed aria più FREDDA – MeteoLive.it). Lo spostamento dell’alta pressione verso ovest darà adito ad aria fredda di matrice settentrionale di scendere verso l’Europa centrale e l’Italia nel corso della settimana prossima, con tempo spesso instabile e fresco su gran parte del Bel Paese. Se analizziamo la media degli scenari del modello americano valida per la giornata di venerdì 19 aprile, notiamo quanto detto poco sopra:

L’alta pressione porterà un massimo in prossimità delle Isole Britanniche. Sul suo fianco orientale verrà giù aria fredda che sul settore centro-orientale del Continente darà luogo ad un’ondata di freddo in piena regola con neve anche a bassa quota. In Italia non si arriverà a tanto, ma le temperature tenderanno sensibilmente a calare e vi saranno anche acquazzoni su alcune regioni, associati a vento forte.

Per comprendere meglio la localizzazione dei fenomeni, vi mostriamo una cartina che riassume la probabilità di pioggia a scala italica per la giornata di venerdì 19 aprile. Vi ricordiamo che: in blu probabilità di pioggia bassa (sotto al 25%), in verde medio-bassa (fra 25 e 50%), in giallo medio-alta (fra 50 e 75%) e in rosso alta o molto alta” (oltre il 75%).

Buona parte della nostra Penisola, segnatamente i settori orientali, le aree interne e il meridione, verranno interessate da una probabilità di pioggia MEDIA o MEDIO-ALTA dove vedete il colore giallo. Tempo invece secco al nord-ovest, medio-alto Tirreno e le Isole dove le piogge saranno scarse se non del tutto nulle dove vedete il colore bianco.

Quale potrebbe essere l’evoluzione successiva? Se ci fidiamo delle ultime elaborazioni, l’alta pressione atlantica sembra avere poco voglia di puntare il Mediterraneo, anzi, attorno al 23 aprile potrebbe puntare ancora più a nord in direzione dell’Islanda, come mostra questa mappa:

Questa mossa obbligherebbe l’aria fredda a scendere più ad ovest, formando una vasta depressione sull’Europa centro-occidentale, con coinvolgimento anche dell’Italia. I fenomeni maggiori si trasferiranno al nord e su parte del centro, mentre il meridione potrebbe essere interessato da un flusso mite sud-occidentale con aumento delle temperature. Si tratta ovviamente solo di ipotesi che andranno confermate e vagliate sulla base delle prossime emissioni dei modelli. Voi, intanto, continuate a seguire tutti i nostri aggiornamenti.