20:28 12 Giugno 2024

Meteo: caldo e afa si scatenano la prossima settimana

Caldo che accelera, questa volta su tutta Italia la prossima settimana!

l caldo subtropicale si sta lentamente ritirando verso le proprie latitudini d’origine grazie all’afflusso di aria più fresca nord atlantica. Questa saccatura più fresca si sta pian piano avvicinando alla nostra penisola e al momento sta invadendo principalmente le regioni del Centro-Nord, mentre il sud fa ancora i conti con la calura nordafricana. Ma come avrete ben immaginato, il cambiamento è ormai dietro l’angolo. Tra questo giovedì e venerdì avremo un deciso calo delle temperature su tutta la nostra penisola, compreso anche il meridione, dove si tornerà a respirare aria più gradevole e limpida grazie ai venti più freschi nord-occidentali.

Tuttavia, come già anticipato nei precedenti editoriali, si tratterà solo di una breve pausa dal caldo intenso che rischia di farsi ancor più forte nel corso della prossima settimana. Addirittura, in questa circostanza, è molto probabile che il caldo possa invadere non solo il sud, ma anche tutto il resto d’Italia, compresa anche la Pianura Padana.

L’alta pressione si approprierà di tutta la nostra penisola già da domenica, dopodiché avremo un costante crescendo delle temperature che raggiungerà l’apice tra martedì e il prossimo weekend per quella che potrebbe essere la seconda forte ondata di caldo di questa stagione.

Eloquenti le anomalie di temperatura previste in alta quota attorno al 19 giugno, ben oltre le medie del periodo su tutta Italia e gran parte d’Europa.

Nella giornata di martedì 18 giugno spiccano temperature massime fino a ben 34, addirittura 35 ° in Val Padana, così come anche nelle restanti aree interne del Centro, del Sud e delle isole maggiori.

Non è ancora chiaro quanto durerà questa nuova ondata di caldo, ma ci ritorneremo nei prossimi editoriali per sviscerare con più chiarezza le previsioni meteo dei prossimi 10 giorni.

LEGGI ANCHE
Meteo 7 giorni

Meteo: solo una pausa, da domenica cambia tutto!

Raffaele Laricchia