11:29 29 Maggio 2024

Ancora OSTAGGI dei TEMPORALI ad inizio settimana prossima? Le ipotesi del MODELLO AMERICANO ed EUROPEO

Ancora instabilità sull'Italia all'inizio della settimana prossima, ma con modalità differenti. Facciamo il punto sulla possibile evoluzione meteorologica analizzando il modello americano ed europeo.

L’alta pressione non riuscirà ad innamorarsi del Mediterraneo nemmeno la settimana prossima. Il tempo sull’Italia sarà spesso instabile e non solo sulle regioni settentrionali. “Instabile” non significa che pioverà dalla mattina alla sera e non è sinonimo di tempo perturbato. Il termine sottintende un tempo complessivamente INAFFIDABILE, dove non mancano le schiarite, ma anche intensi annuvolamenti dai quali possono scaturire rovesci e temporali anche intensi.

Sussistono comunque alcune differenze sul grado di instabilità previsto in Italia all’inizio della settimana prossima, differenze messe a nudo dai due modelli più performanti della rete, ovvero il modello americano ed europeo. Il lasso temporale preso come campione per il nostro confronto è la notte tra lunedi 3 e martedi 4 giugno.

Iniziamo con la situazione attesa in Italia nel periodo sopra citato secondo il MODELLO AMERICANO:

Osservate l’alta pressione FORTE in prossimità delle Isole Britanniche. Sull’Italia sarà presente invece una forte instabilità dettata dalla presenza di una blanda zona depressionaria a tutte le quote, linfa vitale per temporali soprattutto al nord e al centro, non necessariamente solo nelle ore pomeridiane.

Il MODELLO EUROPEO per il medesimo periodo, ovvero la notte tra lunedi 3 e martedi 4 giugno, mostra un’alta pressione maggiormente spanciata verso l’Europa centrale ed il Mediterraneo:

Il complesso instabile risulterebbe quindi spostato verso est con l’Italia presa in maniera più marginale dai temporali. In altre parole, da un “instabile-perturbato” del modello americano si passerebbe ad un “variabile-instabile” del modello europeo.

E’ molto difficile stabilire adesso quale dei due modelli avrà ragione, anche perchè il modello canadese si mette un po’ nel mezzo tra le due configurazioni, risultando quindi di scarso aiuto. Continuate a seguirci!