21:32 4 Dicembre 2023

OCCHIO! L’anticiclone si inserisce a bloccare l’assalto dell’inverno

Si vede subito quando l'anticiclone vuole riprendere in mano la situazione, stroncando le manovre invernali sull'Europa. E dall'Immacolata (o se va bene subito dopo) succederà proprio questo.

Non c’è niente da fare, quando arriva il momento della riscossa anticiclonica, tutto il resto non conta più nulla. Perturbazioni molto intense che vengono deformate e spezzate, affondi dell’aria fredda respinti, progetti invernali rinviati a data da destinarsi.

Se fino a qualche ora sembrava che venerdì 8 dicembre dovesse entrare una forte perturbazione con maltempo diffuso, ora tutto sembra in parte ridimensionato proprio dall’evidente spinta anticiclonica, che prima di tutto favorirà la divisione del fronte all’altezza delle Alpi occidentali e poi potrebbe trasformare la depressione che si originerà sul Tirreno in qualcosa di marginale, destinato ad assorbirsi rapidamente.

Comunque sia i principali modelli sono ancora orientati a vedere la perturbazione raggiungerci da ovest, ma potrebbe essere l’ultima e soprattutto con il nord che potrebbe finire saltato, specie il versante adriatico: 

C’è ancora la possibilità di nevicate anche copiose su parte del nord-ovest ma di emissione in emissione il peggioramento diventa sempre meno incisivo: (in rosso le nevicate più abbondanti)

Vediamo dall’osservazione dei modelli come si evince l’azione "disturbante" dell’anticiclone, che subito prende in mano la situazione, diciamo da domenica 10 dicembre, forse un po’ prestino, no?

Questa azione sarebbe frutto di un’accelerazione della corrente a getto, tipica del periodo, tanto per cambiare e poi soprattutto del rialzo del flusso zonale atlantico.
Conseguenze? Tempo molto più secco con qualche concessione fredda al centro-sud, specie sul versante adriatico.

L’attendibiità? Sull’arrivo dell’anticiclone almeno un bel 60%, almeno dopo il 10 dicembre, mentre per quanto riguarda il peggioramento dell’Immacolata, diciamo che dovrebbe comunque risultare confermato sul Tirreno e sulle Isole Maggiori, per il resto del Paese bisognerà attendere altre 24 ore per capire quale sarà la sua sorte.

 

 

 

 

 

 

Autore : Alessio Grosso