11:39 12 Giugno 2024

Il tempo fino al 23 giugno: CONTRASTI PERICOLOSI

Sembra inasprirsi la dicotomia climatica già presente tra l'Europa centro-occidentale e il Mediterraneo centro-orientale. Vediamo le prospettive del tempo fino al 23 giugno secondo il prestigioso centro di calcolo ECMWF

Non ci dimenticheremo tanto facilmente di questo giugno, un mese fatto di enormi contrasti che facilitano (e faciliteranno) fenomeni estremi sia dal punto di vista temporalesco che termico. Osservando le mappe del centro meteo ECMWF per il prossimo futuro, si nota un inasprimento di questi contrasti, con tanto caldo sul Mediterraneo centro-orientale e situazioni temporalesche violente che si formeranno nella linea di confine tra il caldo africano e le correnti fresche atlantiche.

Prima di effettuare la nostra analisi, facciamo un importante premessa: tali mappe e le previsioni indicate, pur avendo una validità scientifica poichè effettivamente elaborate da potenti computer che eseguono miliardi di calcoli fisico-matematici basati anche su statistiche climatologiche, riteniamo non siano di utilità per programmare attività importanti.

Iniziamo con la ANOMALIE TERMICHE attese sul nostro Continente fino a DOMENICA 16 GIUGNO:

Ecco il braccio di ferro tra l’aria fresca atlantica e le correnti calde africane. Le regioni settentrionali avranno pertanto temperature sotto media tra 1 e 2°; temperature in media saranno presenti al centro e sopra media invece al meridione fino a 2-3° in prossimità delle aree estreme e sulla Sicilia.

Osservate adesso cosa potrebbe accadere la settimana prossima, ovvero tra il 17 e il 23 giugno:

Come detto poco sopra, il divario termico tenderà ad inasprirsi. In pratica, permarrà un vasto sotto media sull’Europa occidentale con interessamento marginale anche del settentrione italiano. Osservate invece l’enorme mole di calore che avremo sulla parte centro-orientale del Continente e su gran parte d’Italia: sul settore centro-meridionale italico si rischieranno anomalie al rialzo di oltre 5°.

Passiamo adesso al quadro precipitativo: la prima mappa mostra le ANOMALIE PRECIPITATIVE attese in Europa ed in Italia fino al 16 giugno:

Per ciò che concerne l’Italia si prevede ancora molta pioggia sulle aree di pianura del nord e sulla fascia prealpina centrale ed orientale con surplus piovosi rilevanti. Sul resto d’Italia piogge in genere inferiori alla norma a parte il medio Adriatico dove sarà presente un lieve esubero.

Osserviamo adesso la mappa delle ANOMALIE PRECIPITATIVE previste per il lasso temporale compreso tra il 17 e il 23 giugno:

Fa impressione il surplus piovoso atteso praticamente su tutti i Paesi dell’Europa centrale e settentrionale dove avremo fenomeni temporaleschi anche intensi. Questo surplus di pioggia sfiorerà anche l’arco alpino dove avremo intense situazioni temporalesche specie sulla parte centrale ed occidentale della chiostra montuosa. Sul resto d’Italia (praticamente tutta) avremo invece un periodo fortemente deficitario sul fronte delle piogge, specie al centro e al sud.