14:55 28 Maggio 2024

Meteo 15 giorni: ONDATA di CALDO in vista, ma sarà DURATURA?

Si conferma dalle mappe odierne l'avvento dell'alta pressione africana a partire dal 5 giugno che potrebbe introdurre una fase meteorologica più stabile e calda sull'Italia. Sussistono però dubbi sulla sua effettiva durata.

Il clima instabile ed a tratti anche fresco che interesserà gran parte del settentrione e del centro, potrebbe accompagnarci fino ai primi giorni di giugno (Giovedi e venerdi MALTEMPO anche INTENSO su alcune regioni – MeteoLive.it; Il week-end si salverà dal MALTEMPO? Su alcune regioni NO – MeteoLive.it). In altre parole, l’estate meteorologica farà il suo debutto tra rovesci e temporali che colpiranno mezza Italia, in accordo con le condizioni sinottiche poco inclini alla presenza di anticicloni nel Mediterraneo.

La situazione potrebbe cambiare, come già enunciato ieri, a partire dal 5 giugno. L’aria fresca ed instabile cambierà percorso e si tufferà tra la Penisola Iberica e il Vicino Atlantico. Questa mossa farà alzare l’anticiclone africano sull’Italia, come mostra la media degli scenari americana valida per giovedì 6 giugno:

Arriverà la prima ondata di caldo in Italia? Secondo le mappe odierne sembra possibile, specie al centro e al sud, ma ovviamente anche il nord sperimenterebbe temperature di tutto rispetto, localmente superiori ai 30°. La stabilità sarà presente quasi ovunque, eccezion fatta per le aree montuose che potrebbero avere qualche temporale pomeridiano o serale.

La mappa della probabilità di pioggia in Italia valida per la medesima giornata, ovvero giovedi 6 giugno, mostra quanto detto poco sopra. Vi ricordiamo che: in blu probabilità di pioggia bassa (sotto al 25%), in verde medio-bassa (fra 25 e 50%), in giallo medio-alta (fra 50 e 75%) e in rosso alta o molto alta” (oltre il 75%).

Si nota chiaramente come la probabilità di pioggia più elevata sia situata in prossimità dei settori alpini e delle aree interne dell’Italia centrale. In altre parole, temporali estivi isolati ed originati dal calore del sole che si manifesteranno nel pomeriggio, per poi attenuarsi non appena la “lampadina” del sole si spegnerà. Su tutte le altre regioni prevarrà il bel tempo.

Quanto durerà questa situazione? Se allunghiamo il collo verso la fine della prima decade di giugno, si nota dalle mappe odierne una “piallata” della gobba anticiclonica africana con l’introduzione di aria atlantica meno calda ed un po’ instabile verso le regioni settentrionali; insomma, una configurazione di questo genere:

Il tempo resterebbe stabile ed anche abbastanza caldo al centro e al sud, mentre al nord potrebbe arrivare qualche temporale maggiormente organizzato e pavoneggiato da qualche perturbazione in transito sull’Europa centrale. Si tratterebbe comunque di una condizione meteorologica abbastanza normale all’inizio dell’estate.