Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Week-end da PRIMAVERA in Italia, ma tornerà l'INVERNO la prossima settimana!

In primo piano - 15 Gennaio 2022, ore 10.15

 L'alta pressione ha inglobato tutta la nostra penisola, come ben evidenziato dalle immagini satellitari: l'Italia è quasi totalmente sgombra da nuvole, eccetto isolati addensamenti bassi su Sicilia e Calabria. Le inversioni termiche rappresentano l'unico fenomeno degno di nota di questo fine settimana, come ogni anticiclone che si rispetti nel pieno dell'inverno.

Il risveglio odierno è stato davvero freddo su gran parte della penisola, ovvero su pianure, valli, conche e altipiani. Lo stesso purtroppo non possiamo dirlo per colline e montagne proprio a causa delle inversioni termiche: man mano che saliamo di quote notiamo un deciso aumento termico e addirittura valori superiori ai 10°C oltre i 1000 metri di quota (soprattutto sulle Alpi). Questo è il risultato dell'inversione termica, uno stato dell'atmosfera determinato dal forte irraggiamento notturno in presenza di cieli sereni e aria stabile.

E per quanto riguarda questo fine settimana, andrà ad aggiungersi anche l'inversione termica da subsidenza: l'aria mite in arrivo da ovest, in alta quota, tenderà a muoversi verso il basso subendo una compressione e di conseguenza un riscaldamento adiabatico. Il risultato sarà un ulteriore aumento delle temperature in montagna e in collina ed un ulteriore rinforzo della stabilità.

Ma quanto durerà questo secondo anomalo anticiclone di gennaio? Come già anticipato in questo articolo, da lunedì avremo un costante calo delle temperature grazie ad infiltrazioni fredde dai Balcani che andranno ad indebolire l'anticiclone. Le temperature scenderanno soprattutto in collina e in montagna, mentre ci saranno poche variazioni in pianura. Il gran freddo notturno o addirittura il gelo è pressoché assicurato in pianura Padana e nelle valli, almeno fino a metà prossima settimana.

Importanti novità per la terza decade - L'anticiclone, come già più volte dichiarato, sarà protagonista almeno fino al 19-20 gennaio. Insomma, fino a quella data le occasioni di maltempo saranno pari a zero. 
Dal 21 gennaio le carte in tavola potranno cambiare sensibilmente per tante regioni: l'anticiclone potrebbe muoversi verso nord-ovest, lasciando spazio ad una discesa d'aria molto fredda artico-continentale verso il Mediterraneo. 
L'ondata di freddo potrebbe realizzarsi, indicativamente, tra 21 e 23 gennaio: come ipotizzato dalla media degli scenari di ECMWF (modello matematico inglese) l'ondata di freddo potrebbe coinvolgere principalmente il lato adriatico ed il sud, dove tornerebbe la neve a bassa quota. Freddo secco invece per il nord e gran parte del lato tirrenico.

Rispetto a ieri le possibilità del ritorno dell'inverno dal 21 gennaio sono in aumento, ma siamo ancora ben lontani dal realizzare una previsione dettagliata e affidabile.


Autore : Raffaele Laricchia

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum