Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ci sarà una FORTE NEVICATA al nord e sull'Appennino centrale tra mercoledì 23 e venerdì 25 gennaio?

Presto per scendere nei dettagli ma è giusto soddisfare la curiosità dei lettori.

In primo piano - 17 Gennaio 2019, ore 09.10

PREMESSA: le mappe neve che vi mostriamo potranno essere attendibili a 72 ore dall'evento, non prima. Al momento però ci servono per capire quanto sia affidabile la previsione a lungo termine (parliamo di 6-7 giorni) del modello europeo, dal quale sono stati estrapolati i dati per disegnare queste carte. Ci sembrava giusto farne partecipi anche i lettori. 

CONFERME: ormai da diverse emissioni queste mappe confermano nevicate anche di una certa rilevanza sulle pianure del nord, specie ad ovest e sulla fascia pedemontana emiliana, ma anche lungo gran parte della dorsale appenninica del centro Italia. 

DETTAGLIO: le temperature non saranno particolarmente basse ma FORSE sufficienti per determinare neve sino in pianura tra mercoledì 23 e giovedì 24 al nord. I fenomeni nevosi risulterebbero misti a pioggia sulla pianura padana centrale ed orientale, dove infatti non si prevedono accumuli rilevanti, mentre la nevicata assumerebbe maggiore spessore procedendo verso ovest, specie su ovest lombardo (neve anche a Milano), Piemonte (neve anche a Torino), Appennino ligure e soprattutto Appennino emiliano. La neve cadrebbe anche abbastanza generosa sull'Appennino centrale a quote comprese tra 300 e 500m, ma non in pianura.

DA NOTARE: accumuli sino a mezzo metro ed oltre sarebbero previsti per tutta la fascia appenninica ligure e tosco emiliano, ma anche su basso Piemonte, Pavese, fascia pedemontana emiliana, comprese Piacenza, Parma, Reggio, Modena e Bologna, ma anche su tutte le zone interne della Toscana. Neve naturalmente anche su tutte le vallate alpine con accumuli certamente non trascurabili, soprattutto su basso Trentino e Cadore, ma comunque inferiori a quelli previsti per il basso Piemonte e l'Emilia. In questi casi ad esempio località come Limone Piemonte fanno il pieno di precipitazioni nevose. Notevoli comunque anche gli accumuli attesi su Appennino laziale ed abruzzese e sul Gennargentu in Sardegna.

COSA NON VA ALLORA? Innanzitutto le temperature previste a quasi una settimana di distanza sono sempre sottostimate. Dunque GENERALMENTE, ma non è un dogma, si tendono a prevalere valori un po' più bassi di quelli che si registrano poi concretamente e questo determina nella realtà poi una quota neve più alta. 
C'è poi da considerare la posizione esatta dei minimi depressionari: il fattore determinante, che generalmente resta incerto in queste circostanze almeno sino a 48-72 ore prima dell'evento.

Ecco perché tutto quanto esposto potrebbe non essere del tutto vero o riscontrabile solo in parte.

LEGGI ANCHE: pronti per la rivoluzione meteo della terza decade di gennaio?
http://www.meteolive.it/news/In-primo-piano/2/rivoluzione-barica-in-europa-i-tempi-sono-maturi-arriver-il-gelo-siberiano-/77138/


 


Autore : Team di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum