Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'ipotesi CALDO "ammazza-covid" non ha funzionato; ora c'è ansia per l'inverno!

Lo abbiamo capito osservando le immagini della Florida qualche mese fa. Qualcosa non quadrava. Il caldo fa il solletico al covid.

Editoriali - 2 Ottobre 2020, ore 10.00

Qualcosa non quadrava già da tempo: le grandi contaminazioni della Florida, Stato caldo degli Usa, faceva pensare che non potesse essere il caldo a fermare il coronavirus.

L'estate ha sicuramente ridimensionato i contagi in Italia perché abbiamo trascorso più tempo all'aria aperta, non perché facesse caldo, perché non ci siamo affollati sui mezzi di trasporto e non siamo stati in casa tutto il tempo a riflettere sulla pestilenza che c'è capitata tra capo e collo. Già, la casa rifugio, il lockdown prolungato, e se non fosse quella la soluzione?

Se ogni casa diventasse invece nella stagione fredda un potenziale focolaio di infezione? Se la casa, riempita di amici e parenti, fungesse da detonatore per un'esplosione ancora più virulenta del covid? In altre parole lo spettro di un nuovo isolamento non potrebbe peggiorare le cose anziché migliorarle?

Se lo chiedono tutti, mentre i contagi salgono lentamente ma inesorabilmente e mentre siamo circondati da un'Europa appestata come non mai, specie se guardiamo i cugini francesi e gli amici spagnoli. 

Cosa fare allora? Sicuramente i grandi assembramenti, i treni dei pendolari stracolmi, i concerti, la gente assiepata negli stadi, le movide del sabato sera, le serate in discoteca, non possono che peggiorare la situazione, ma anche rinchiudere di nuovo i bambini a casa, rassegnandoci ad un nuovo blocco totale, oltre che dare il colpo finale all'economia e ai posti di lavori, potrebbe non bastare.  

Il virologo Crisanti suggerisce che, di fronte all'inevitabile risalita dei contagi, quando si arriverà a 7-8000 infetti, bisognerà prendere nuove misure restrittive. La più semplice sarebbe quella di tornare tutti (tranne quando si fa attività sportiva) ad indossare anche all'aperto la mascherina, utilissima se attraversiamo viali affollati o dobbiamo incontrarci con più persone ravvicinate all'angolo di una strada.

Lo studio sugli anticorpi anti covid potrebbe darci una mano molto prima che arrivi il vaccino, anche perché vaccinarsi contro l'influenza sarà molto difficile, visto le scarse scorte di vaccino che sono state predisposte.

C'è peraltro molta leggerezza e superficialità nei comportamenti da parte di molti, specie di coloro che non digeriscono l'idea che lo Stato possa imporre qualche restrizione alla libertà, oltre a quella percentuale trascurabile di persone che pensano che il virus sia tutta una montatura, i cosiddetti negazionisti, che espongono e si espongono al contagio.

Lo scoglio sarà il grande buio di novembre, dicembre e gennaio: lì tra i vari malanni stagionali si rischierà di fare una gran confusione, mandando in ansia famiglie intere. Il mondo aspetta allora qualche notizia confortante dai virologi e si chiede giustamente come mai in CINA il virus sia quasi del tutto scomparso.







 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum