Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I vortici dell'atmosfera, cosa sono e che tempo ci portano (prima parte)

Sono configurazioni tipiche delle quote superiori, ma che hanno la loro rilevanza dell'andamento del tempo anche al livello del suolo. Riassumiamo sinteticamente di cosa si tratta e quali fenomeni ci possono portare.

MeteoLive school - 4 Gennaio 2012, ore 10.37

 L'argomento integra e completa gli studi pionieristici della mitica scuola sinottica norvegese di Bjerknes, quella che ci ha regalato la teoria dei fronti, cardine della meteorologia e pur sempre attuale. Si tratta delle configurazione a vortice quelle che, anche da una semplice occhiata alle comuni immagini satellitari, abbondano elegantemente sulla faccia del globo.

Questi vortici atmosferici hanno un significato sinottico ben più sottile e interessante di quanto si possa pensare, oggetto di recenti studi che hanno di fatto rivisto l'impalcatura fisica della circolazione atmosferica, tanto da proporre nuove teorie sulla formazione e sullo sviluppo di ciclogenesi e frontogenesi (formazione delle basse pressioni e delle perturbazioni).

Le configurazioni a vortice vengono suddivise in due strutture principali, a seconda della via per la quale si originano: gli Upper Level Low e i Vortici di Vapore Acqueo.


Gli Upper Level Low sono strutture a scala sinottica derivanti dalle onde del vortice polare. Queste onde nel loro evolvere possono venire sottoposte a deformazioni ai lati, processi che ne assottigliano la forma fino a procurare un taglio netto dalla struttura madre.

Tale isolamento del vortice freddo può avvenire per cause termiche, invasioni di aria calda sul settore sottovento (est, a destra dell'asse processo detto "ciclogenesi"), oppure per cause dinamiche, con flussi caldi anticiclonici che spingono da ovest (a sinistra dell'asse, processo detto "stretching"). Il processo dà vita dunque ad un vortice isolato noto come goccia fredda o Cut Off. I cut-off tendono a dissipare la loro energia per attrito nei bassi strati, rimanendo invece ancora attivi in quota, da qui il nome di Upper Level Low, ossia minimo delle quote superiori, meglio conosciuto da noi come "goccia fredda in quota".


Tale soggetto sinottico in estate elargirà condizioni di tempo inaffidabile, con schiarite, ma anche con annuvolamenti consistenti accompagnati a improvvisi rovesci, temporali, grandinate e colpi di vento. In inverno le gocce fredde possono manifestarsi anche solo con poche nubi e un calo della temperatura alle quote superiori. Nel caso di gocce fredde particolarmente cariche, come quelle sfuggite direttamente al vortice polare e originatesi fisiamente sull'Artico, possiamo assistere a rovesci nevosi fino a quote molto basse o prossime alla pianura. Il fenomeno è decisamente più frequente lungo le regioni adriatiche.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.26: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente a Grumello (Km. 189,7) in uscita in entrambe le direzioni dalle 13:22 del 25 set 2018…

h 13.05: A4 Brescia-Padova

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Grisignano (Km. 345,7)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum