Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La grandine ed i temporali: ecco la tempistica

E’ più facile che grandini all’arrivo del cumulonembo o quando ormai il cielo sta per schiarirsi? Oppure le grandinate più copiose si verificano nel bel mezzo di un intenso acquazzone?

Tutto temporali - 24 Settembre 2003, ore 08.50

Spesso quando è in arrivo un temporale e si verifica una grandinata, possiamo osservare che i chicchi più grossi e numerosi cadono proprio quando la base della nube arriva sopra le nostre teste, o subito prima che la precipitazione cessi. Per quale motivo si verifica questo fenomeno? Sappiamo che il cumulonembo è una nube costituita da centinaia di milioni di litri di acqua, sotto forma di goccioline finissime, gocce più grandi, cristalli di ghiaccio ed appunto chicchi di grandine di svariate dimensioni; il compito della nube, e quindi del temporale, è quello di portare aria calda verso l’alto (correnti ascendenti) ed aria più fredda verso il basso (attraverso correnti discendenti e precipitazioni), in modo da ristabilire un certo equilibrio termico fra le varie quote dell’atmosfera. Ebbene la grandine si forma alle quote più alte (attorno ai 6-8 km di altezza) nel settore delle correnti ascendenti calde, ma poi viene spinta da esse verso il settore della nube dove sono presenti le correnti discendenti; i venti in caduta verso il basso però tendono ad inibire l’ulteriore crescita della nube nell’area da essi interessata (sia in orizzontale che in verticale) e di conseguenza “l’outflow” (così si chiama in gergo tecnico il flusso freddo verso il basso) si trova generalmente al bordo della base della nube temporalesca, così come la precipitazione grandinigena. Ecco perché normalmente i chicchi di grandine cadono all’inizio o alla fine del temporale; addirittura se le correnti in salita all’interno del corpo nuvoloso sono estremamente intense, i chicchi di grandine possono essere “sparati” al di fuori della nube, per poi cadere al suolo ancor prima che sulla nostra verticale arrivi la base del cumulonembo stesso.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.28: A1 Milano-Bologna

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Nodo A1/A21 km 58 e Fidenza (Km. 90,4)..…

h 18.28: A1 Firenze-Roma

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Firenze Sud (Km. 300,9) in uscita in direzione da Bologna dalle 18:..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum