Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'invasione dell'anticiclone africano è inquietante, ma il clima non è malato...

Il tempo e in seconda battuta il clima non ragiona come l'uomo e mostra scenari che ai nostri occhi potrebbero sembrare irrazionali. Certo, per noi l'invasione sempre più frequente dell'anticiclone africano nel Mediterraneo è inquietante, ma il Pianeta non sta studiando un progetto autodistruttivo.

Editoriali - 8 Aprile 2016, ore 09.56

Il bombardamento mediatico ha radicato in noi la convinzione che il clima sia malato, agonizzante, una patologia che si paleserebbe quasi ogni giorno, appena si scatena un acquazzone un po’ più intenso del normale o un anticiclone prende possesso della Penisola per due o tre settimane di fila senza far cadere una goccia d’acqua.

Tutto ciò che si svolge sopra le nostre teste insomma dovrebbe rappresentare la manifestazione evidente di un malessere profondo che scatena reazioni incontrollate e l'invasione sempre più evidente dell'antciclone africano potrebbe davvero far pensare ad una "disfunzione" climatica, ma solo perché guardiamo al tempo con occhi "TROPPO UMANI".

In realtà si approfitta della scarsa preparazione scientifica del popolo italiano (ma anche di taluni giornalisti) per cavalcare l’idea che le attività antropiche siano in grado da sole di manovrare la complessa, caotica macchina climatica, che da sempre ha alternato fasi estremamente fredde, le glaciazioni, a fasi più miti, definite interglaciali, anche e soprattutto quando ancora l’uomo non aveva fatto la sua comparsa sulla Terra.

Il clima dunque è in continuo, costante mutamento e su questo punto non vi sono obiezioni. Da poco più di 160 anni siamo usciti dalla famosa piccola età glaciale (PEG) che ha separato due periodi estremamente miti: quello attuale e quello definito optimum climatico medioevale, tra il 700 ed il 1300m. E’ questo tra l’altro il periodo in cui Erik il Rosso raggiunse la Terra Verde, la Groenlandia.

Come forse solo pochi di voi sanno le glaciazioni si ripetono a cicli di circa 100.000 anni e di pari passo con il freddo, in modo direttamente proporzionale diminuiscono anche le concentrazioni dei gas serra. Finita la glaciazione anche i livelli dei gas risalgono, di tutti i gas, soprattutto del metano, fino a quel momento sepolto sotto la tundra ghiacciata delle piattaforme continentali.

Il metano è un gas serra fino a trenta volte più potente dell’anidride nell’intercettare il calore ma con concentrazioni molto più basse. Il gas serra più efficace in assoluto però resta il vapore acqueo, 500 miliardi di tonnellate d’acqua che ci avvolgono in un ciclo di condensazione ed evaporazione che consente a tutta la macchina climatica di funzionare in quasi totale autonomia e in fin dei conti di autobilanciarsi attraverso un meccanismo di retroazione (meglio noto come feedback).

E’ dunque la temperatura ad influenzare la concentrazione dei gas serra e non il contrario. In altre parole mentre i “tecnici” dell’IPCC ignorano totalmente questo aspetto, continuando a prevedere ostinatamente aumenti sconsiderati ed incessanti della temperatura del pianeta, centinaia di scienziati concordano sul fatto che proprio lo scioglimento dei ghiacci artici potrebbe essere il segnale di una inversione di tendenza.

Considerate oltretutto che è bastato un piccolo inceppamento della Corrente del Golfo negli anni 60 con la formazione di “laghi” d’acqua dolce nell’oceano per far diminuire la temperatura per quindici anni in Europa, e una sola eruzione vulcanica è riuscita nel 91 a farci perdere in pochi mesi 0.2°C, ed è stato provato che è sufficiente una diminuzione anche minima dell’intensità della radiazione solare per riscontrare evidenti ritorni di freddo.

Inoltre non si dice che parte del riscaldamento globale osservato in questi ultimi anni potrebbe essere ascritto all'urbanizzazione, a stazioni di rilevamento trovatesi improvvisamente immerse in giungle d'asfalto; non si dice inoltre che i satelliti che registrano la temperatura dell'aria senza essere influenzata dagli ambienti "urbani" solo recentemente e per brevi periodi hanno mostrato un aumento medio delle temperature.

Negli ultimi 30 anni indubbiamente il clima del nostro Paese e di molte zone del Pianeta si è orientato verso condizioni più calde, i ghiacciai della Terra in meno di un secolo si sono ridotti di oltre il 50% ma tutto questo quasi sicuramente fa parte di un ciclo climatico naturale in cui stanno recitando un ruolo di primo piano le correnti e le temperature oceaniche, in grado di influenzare il posizionamento degli anticicloni e dei centri di bassa pressione e naturalmente il fenomeno NINO.

L’Italia, trovandosi in una zona di transizione tra fasce climatiche totalmente opposte, finisce per risultare molto vulnerabile a questi cambiamenti, ma non per questo sull’orlo di una desertificazione o di un impaludamento dell’Adriatico.

Incredibilmente invece si continua a terrorizzare l’opinione pubblica disegnando scenari apocalittici. E’ appena il caso di ricordare che i costi del famoso Protocollo sono di 150 miliardi di dollari all'anno: con metà di quella cifra potremmo garantire acqua potabile, assistenza sanitaria e istruzione a milioni di persone.

Certamente è importante limitare le attività inquinanti, ma esclusivamente per migliorare la qualità e l'aspettativa di vita delle popolazioni piuttosto che per "guarire" il clima. I ruoli non si sono invertiti, ricordiamocelo bene, è sempre stata e sarà ancora la natura a dominarci.

E' strana questa Italia che per decenni, ha visto con gioia sorgere ciminiere, palazzoni di cemento, autostrade, cavalcavia e che ora, di fronte al rischio di dipendere dal resto d’Europa, si scopre ambientalista a parole, ma non nei fatti.

Nessuno vuole rinunciare al benessere che ha ottenuto... La qualità dell’aria delle nostre città rispetto a 30 anni fa è migliorata, (forse nessuno ve l’ha mai detto) ed è diminuita la concentrazione di zolfo che faceva da collante per la nebbia, che si è ridotta del 50%.  

Inoltre, se in epoca storica non fosse aumentata la temperatura, non si sarebbe sviluppata nessuna delle grandi civiltà umane. Solo quando l'isoterma dei 21°C si spostò a Nord, nacquero le civilizzazioni di Persepoli, Babilonia, Egitto e poi quelle dei fenici, dei greci, dei romani.

Sono ben altre le emergenze ambientali: prima fra tutte la tutela del patrimonio boschivo, la revisione degli acquedotti, costantemente sabotati per alimentare il business dell’acqua distribuita con le autobotti, l’emergenza rifiuti, in cui si lascia che un’intera città e molti comuni limitrofi vengano sommersi dall’immondizia per non andare ad intaccare i privilegi mafiosi acquisiti dalle discariche esistenti. ci si opponga fermamente alla distruzione delle località di villeggiatura strangolante nel cemento, in cui alberghi caserma nascono impunemente in riva al mare nonostante precise leggi regionali ne vietino l’edificazione.

Quando una mareggiata si inghiottirà un pezzo di costa, come è possibile che accada, allora si griderà ancora una volta alla natura assassina, indicando queste benedette emissioni di gas serra quali uniche responsabile della sua furia vendicativa. Così costoro avranno la coscienza a posto. Che tristezza!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.34: Roma Via Tiburtina

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra A90 e Via del Casale di San Basi..…

h 07.34: Corso Regina Margherita(TO)

coda

Code nel tratto compreso tra Corso Regio Parco e Rondo' Forca in direzione Tangenziale Nord Di To..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum