Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO EUROPEO: l'anticiclone lascia il posto all'instabilità artica

Ultima settimana di novembre sotto condizioni atmosferiche INCERTE. In sintesi ecco cosa dovremo aspettarci

In primo piano - 22 Novembre 2017, ore 21.20

Superate le giornate di clima mite che ci attendono nell'immediato futuro, l'arrivo del prossimo weekend sancirá l'esordio di una circolazione atmosferica lungo i binari di una ritrovata meridianizzazione. Una potente onda anticiclonica sarà proiettata verso le alte latitudini dell'oceano Atlantico sino alla regione polare, una vasta onda di Rossby terrá sotto scacco il tempo d'Europa con alcuni giorni di instabilità.

La prima perturbazione è bene inquadrata dal modello europeo a cavallo tra domenica 26 e lunedì 27 novembre; porterà precipitazioni sparse sulle regioni dell'Italia settentrionale e sulle centrali tirrenche, poi un calo della temperatura lunedì 27 proprio a partire dal nord. 

L'evoluzione successiva ancor più interessante, porterebbe al consolidarsi della sopraccitata onda di Rossby sul Mediterraneo; un aumento ulteriore delle altezze geopotenziali sul nord Atlantico ed un calo dalla Penisola Scandinava all'Europa centrale, completerebbero un quadro di instabilità invernale sull'Europa.

All'interno di questo ambiente instabile troverebbe rifugio un "pacchetto" d'aria fredda groelandese che andrebbe a costituire una nuova insidia sul tempo previsto sul Mediterraneo tra martedì 28 e giovedì 30 novembre. Una circolazione ciclonica associata ad una perturbazione organizzata, potrebbe colpire dapprima l'Europa nord-occidentale per poi soffermarsi sul bacino centrale del Mediterraneo e pertanto anche sul nostro Paese. 

A seconda della posizione acquistata dal minimo, vi potrebbero essere i presupposti per l'arrivo della NEVE a bassa quota sulle regioni del nord, precipitazioni abbondanti al centro ed al sud.

Lungo termine, primi di dicembre: cosa potrebbe accadere? 

Estremamente difficile tracciare una linea di tendenza OLTRE i 7 giorni di distanza, per la prima decade dicembrina alcune proiezioni mettono in luce un rinforzo di gradiente alle elevate latitudini con una circolazione nuovamente più stabile sul Mediterraneo. 

Saranno logicamente necessarie altre numerose conferme. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum