Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La super depressione che minaccerebbe il cuore dell'estate

Quest'oggi abbiamo deciso di commentare una previsione alternativa del modello americano GFS di tempo fortemente instabile sull'intero stivale italiano. Un'evoluzione atmosferica che farebbe felici gli amanti dei temporali, del fresco e dell'instabilità, meno gli innamorati del solleone.

Ipotesi estreme... - 19 Giugno 2014, ore 14.00

L'intenso passaggio temporalesco previsto venerdì 27 su alcuni settori italiani, sarebbe soltanto un assaggio se paragonato a quanto previsto da questo cluster alternativo del modello americano entro giovedì 3 luglio. Una intensa saccatura associata a ramo della corrente a getto, trasporterebbe un attivo fronte freddo sul nostro Paese, la superficie frontale andrebbe muovendosi rapidamente da ovest verso est, determinando una seconda intensa passata di temporali su molte zone dello stivale. Sarebbero escluse le sole regioni meridionali dove tuttavia lo Scirocco andrebbe sostituendosi in breve tempo a Libeccio e Maestrale, evidenziando anche qui un ricambio d'aria col prepotente inserimento d'aria più fresca di origine nord-atlantica.

Sulle regioni centrali e settentrionali sarebbero i temporali i principali protagonisti della scena
, dapprima temporali legati all'ingresso del fronte freddo vero e proprio, successivamente instabilità post frontale a macchia di leopardo, essenzialmente concentrata nelle zone interne e senza una particolare organizzazione. Le temperature subirebbero un contraccolpo, una flessione che porterebbe la colonnina di mercurio sino a valori inferiori alla norma quantomeno al centro ed al nord.

Stiamo naturalmente considerando un'ipotesi previsionale decisamente estrema, evoluzione che ben difficilmente troverà riscontro nei fatti in questo periodo dell'anno.

La seconda previsione infatti, sempre riferita all'inizio di luglio, presenta un'evoluzione atmosferica decisamente più ordinaria. In questo caso l'anticiclone delle Azzorre sarebbe proteso verso i settori settentrionali europei, stivale italiano interessato da un flusso di aria moderatamente instabile proveniente dai quadranti orientali. Una situazione determinerebbe temporali a macchia di leopardo, ad evoluzione prevalentemente diurna ed essenzialmente concentrati nelle zone interne.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum