Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il TEMPO delle FESTE: tutte le ultimissime con le opzioni più probabili!

Feste dinamiche ma opzioni fredde severe che diventano meno probabili oggi.

In primo piano - 15 Dicembre 2017, ore 09.29

SINTESI
Stamane emissioni modellistiche più favorevoli agli anticicloni che a severe situazioni invernali, ma solo per qualche giorno, quelli legati al Natale, mentre per fine anno sembrerebbe decisamente confermata una piega moderatamente perturbata da ovest con precipitazioni, sia pure in un contesto non particolarmente freddo ed anzi piuttosto mite al centro e al sud.

COMMENTO
Sapevamo che avremmo osservato emissioni del genere in questi giorni. Diciamo che l'aggiornamento riguardo alla prevista attività del vortice polare è meno interessante di quanto ci aspettavamo, tuttavia dopo Natale esso risulterà comunque parzialmente disturbato e onde depressionarie anche di una certa rilevanza potrebbero apportare condizioni perturbate sul nostro Paese, con l'anticiclone schiacciato a latitudini più meridionali, come abbiamo già avuto modo di notare nel famoso Natale 2013, quando una tempesta di neve si abbatté sulle Alpi, isolando Cortina, gran parte del Cadore e non solo.

COSA ASPETTARCI?
Tra sabato 23 e lunedì 25 dicembre
una massa d'aria artica proverà nuovamente a gettarsi verso sud, deviata in parte verso i Balcani, sia dalla presenza dell'anticiclone che da un rinforzo delle correnti occidentali. Per questo motivo riteniamo che il grosso del freddo possa colpire l'Europa orientale, sfiorando anche le nostre regioni, soprattutto il versante adriatico.

Da martedì 26 dicembre a giovedì 28 dicembre in poi le correnti piegheranno gradualmente ad ovest, apportandoci dapprima della variabilità, più evidente al nord e sul Tirreno, allontanando l'alta pressione ed introducendo comunque aria più mite. 

Da venerdì 29 dicembre a domenica 31 dicembre: maggiore ondulazione delle correnti perturbate atlantiche con occasione per precipitazioni, sbalzi termici e nevicate in quota sulle Alpi dalle quote medie.

OPZIONE PIU' SEVERA: c'è da tener conto che esiste un'altra scuola di pensiero, che contempla l'ipotesi di una pulsazione dell'anticiclone verso nord proprio per gli ultimi giorni di dicembre e l'inserimento di aria gelida da nord-est, così come raccontava ieri e in qualche caso ancora oggi il modello americano. 

Quest'ipotesi al momento resta la più estrema e la meno probabile, ma se le iniezioni di calore verso il Polo dovessero manifestarsi come previsto, andando a disturbare palesemente il vortice polare, la previsione ne verrebbe sconvolta e si tornerebbe a parlare di gelo severo. Dunque restate aggiornate, anche se l'evoluzione più probabile ci sembra al momento quella sopra esposta. 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.21: A52 Tangenziale Nord Di Milano

coda rallentamento

Code per 2 km causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A4 Torino-Trieste (Km...…

h 15.20: A24 Roma-Teramo

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Tornimparte (Km. 85) e L'aquila Ovest (Km. 101) in direzione Te..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum