Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il livello degli oceani ce la dice lunga sul clima in atto

Abbiamo controllato i dati satellitari per accertarci quali anomalie siano in atto in giro per il mondo.

In primo piano - 9 Marzo 2010, ore 14.00

Anche se sembrerà strano, la superficie degli oceani non è da considerare come un qualcosa di rigido, fisso ad un determinato livello, ma come un fluido che tende a oscillare secondo il moto ondulatorio a grande scala a seconda di diversi motivi, anche astronomici. La spinta principale che forza gli accumuli di massa nei nostri oceani però è il vento. Naturalmente, più l'oceano in questione è grande e maggiormente evidente sarà questo sbalzo di livello, poichè maggiore sarà la superficie oceanica sottoposta alla spinta dinamica del vento. Gli Alisei ad esempio, i venti quasi costanti che soffiano dai tropici verso l'equatore, possono accumulare notevoli quantità d'acqua a ridosso del settore australiano del Pacifico, mentre il lato opposto, quello sud-americano, il livello risulta più basso fino a un metro e mezzo. Ebbene, dalla carta allegata nella nostra immagine, riferita al 14 febbraio scorso, si nota la classica configurazione da Nino (pur debole), nella quale l'indebolimento degli Alisei ha portato ad anomalie positive sulle acque al largo del sud America e viceversa su quelle nei pressi dell'Australia. In altre parole, mentre la situazione prevalente vede il Pacifico equatoriale occidentale più alto rispetto a quello orientale, quella attuale ci mostra una sorta di equilibrio, se non un lieve sbilancio inverso, con soppressione parziale degli Alisei, minor risalita di acque fredde al largo delle coste ecuadoriane e riscaldamento delle stesse. E' appunto il fenomeno di El Nino il quale, pur in condizioni decisamente deboli come quelle attuali, riesce comunque a modificare l'assetto circolatorio a grande scala, invertendo soprattutto il regime delle piogge rispetto alla situazione prevalente lungo l'asse pacifico, con minor precipitazioni sul comparto australiano-indonesiano e maggiori precipitazioni invece su quello equatoriale sud-americano.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.26: A4 Torino-Milano

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Svincolo Greggio (Km. 67,5) e Svincolo Novara Ovest (Km. 82,9)…

h 02.17: A1 Roma-Napoli

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Pontecorvo (Km. 658,3) e Cassino (Km. 669,6) in entrambe..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum