Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L’erosione delle rocce da parte degli agenti atmosferici

Le nostre montagne sembrano apparentemente immutabili davanti alla pioggia, alla neve e al vento. Tuttavia gli agenti atmosferici contribuiscono continuamente all’erosione delle rocce che si manifesta in tempi lunghi.

Geologia - 30 Maggio 2003, ore 11.22

Si ergono maestose e sembra vogliano sfidare ogni cosa: la neve, la pioggia, il vento. Sono le montagne, veri monumenti naturali, che si sono costituiti tramite movimenti della crosta terrestre che prendono il nome di “corrugamenti”. Altre formazioni montuose sono semplicemente dei vulcani spenti e sono formate dalla solidificazione del magma eruttato in precedenza. Tutti i rilievi presenti sulla Terra, dai più alti a quelli più bassi, sono soggetti ad una continua erosione da parte degli agenti esterni. Noi chiaramente non ce ne accorgiamo, ma se si ragiona in tempi geologici, ovvero a distanza di migliaia di anni, gli effetti si notano eccome. Che cosa succede, in sostanza, quando una roccia subisce un processo di erosione? In primo luogo si ha un’alterazione di tutti i componenti chimici di base. In sostanza da elementi più compatti si passa molto gradualmente ad una forma più blanda e disgregata, che poi finisce per staccarsi dal costone principale per finire a valle. Alla base di pareti rocciose anche elevate si trovano, difatti, massi e pietre che tendono ad accumularsi in formazioni classiche (conoidi) e che derivano dai processi di erosione del versante soprastante. Naturalmente il principale elemento disgregante è l’acqua che in natura rappresenta il solvente ideale. Tuttavia anche il vento svolge un ruolo molto importante nel campo dell’erosione, anche se gli effetti si notano in tempi più remoti. L’erosione operata dal vento e dall’acqua è responsabile anche di formazioni curiose. Le rocce vengono in un certo senso “modellate” e possono formare guglie, depressioni e piccoli altipiani. Anche le acque di reflusso presenti nei fiumi avranno caratteristiche diverse a seconda della roccia attraversata. Se l’ambiente è calcareo, quindi con abbondante presenza di carbonato di calcio, l’acqua avrà una durezza maggiore. Viceversa se le rocce attraversate risultano composte in prevalenza da silicio, la percentuale di carbonato di calcio sarà inferiore e avremo acque con una durezza minore.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 21.17: A16 Napoli-Canosa

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Benevento - Raccordo Di Benevento (Km. 68,7) e Avellino Est (Km...…

h 21.15: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Imola (Km. 50,1)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum