Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A tutta neve, quale sarà il momento più favorevole per vedere i fiocchi bianchi?

Il freddo arriverà ad ondate successive e con esso anche gli impulsi nuvolosi forieri delle nevicate principali. Focalizziamo l'attenzione sui momenti cruciali dell'evento.

A tutta neve - 20 Novembre 2008, ore 10.53

Freddo sì ma non sarà tutto e solo neve. In altre parole, pur confermato l'impianto atmosferico e precipitativo delineato nei nostri precedenti interventi, non dovremo attenderci tre giorni di inferno bianco. Con l'ausilio delle ultimissime elaborazioni forniteci dai nostri modelli cerchamo di fissare i punti cardine di quanto avverrà da qui a dopo il weekend. SETTORE ALPINO: primi fiocchi nella notte su venerdì lungo i versanti esteri e le creste di confine. La quota iniziale sarà posta tra 1000 e 1200m ma, dopo una prima stabilizzazione, tenderà rapidamente a scendere nella sera di venerdì. L'Alto Adige sarà la prima regione a vedere i fiocchi fin sui fondovalle delle zone più settentrionali, in particolare la Venosta, Aurina e Pusteria. Seguiranno sabato anche i settori retici lombardi e a ruota la val Formazza e l'alta valle d'Aosta, con le valli Ferret e Veny in attesa degli accumuli maggiori. A tratti interessati dalle bufere di neve anche i crinali delle Alpi Carniche e Giulie. Domenica situazione invariata con neve fino in pianura su Svizzera e Austria, ma anche lungo i fondovalle sopra citati. Qualche fiocco portato da nord alternato a rasserenamenti anche sull'alta val d'Ossola, settore orobico e Dolomiti. Prealpi e settore dolomitico potrebbero finire sotto temporanee spolverate nella notte su lunedì a quote poste intorno i 400-600m. SETTORE APPENNINICO: primi fiocchi in Appennino lungo il trangolo di confine tra Umbria, Marche e Abruzzo nella mattina di sabato a quote poste intorno a 700-900m. Tutto poi si attenua e si trasferisce al sud. Nella notte su domenica fiocchi fino a 500-600m sulla Basilicata, tra 700-800m sulla Sila. Spruzzate anche sui rilievi garganici. Domenica sera ancora i rilievi pugliesi, lucani e calabresi interessati da nevicate intorno a 500-700m, mentre alla carrellata si aggiungeranno forse anche le cime più elevate dei monti Nebrodi, Peloritani, Madonie, mentre nella zona etnea i fiocchi si attesteranno oltre i 1200-1300m ma con quota neve in lento rialzo fin verso i 1600m nella notte su lunedì. E lunedì ecco l'ora dell'Appennino centro-settentrionale: fiocchi bianchi sul settore dell'estremo Levante ligure, su quelli tosco-emiliani, su quello umbro-marchigiano e a ruota su quelli laziali-abruzzesi e molisani (i più battuti). La quota media si stabilirà inizialmente intorno 400-500m ma tenderà a risalire gradualmente fino a 800m sull'Appennino settentrionale, da 600 a 900-1100m su quello centrale e da 800 a 1200-1300m su quello meridionale. Tutto si trasferisce in serata al sud dove però verranno ricoperte di bianco solo le località molisane e calabro-lucane poste oltre i 1000-1400m. Per la giornata di martedì nuove sorprese bianche potrebbero questa volta concentrarsi a quote prossime al piano sull'Emilia e probabilmente anche su bassa Lombardia e basso Piemonte. Vi terremo tempestivamente informati sull'evolversi della situazione. Non mancate di seguire i nostri prossimi aggiornamenti.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum