DICEMBRE 2023 - LIVE MODELLI

Discussioni meteorologiche sul tempo previsto nei prossimi giorni ma anche climatologia e discussioni sui run dei vari modelli: è la stanza principale, quella più affollata e seguita.

Moderatori: erboss, jackfrost, MeteoLive

Bloccato
fadigio79
Messaggi: 720
Iscritto il: dom dic 23, 2018 10:53 am
Località: Colleverde di Guidonia

Messaggio da fadigio79 »

tifone ha scritto:
fadigio79 ha scritto:
GELOSIBERIANO ha scritto: Beato te che già sai il tempo fino al 20
Ci sono le stagionali ECMWF che da 5 anni non ne sbagliano una. Mi spiace toglierti la poesia ma a parte Gennaio le Seasonal Forcast danno anomalie pesanti sia a 500hpa che di temp. Quindi se vuoi campare di speranza buon per te...io c'ho rinunciato.
nulla di più errato.. per il nordest europeo questo periodo giusto ad esempio davano forte sopramedia e mi pare sia l'esatto opposto. Le stagionali non si misurano solo in Italia. Cordiali saluti
Le long range forecasts di ECMWF sono su base mensile, quindi non capisco a quale periodo ti riferisci.

Aspetto i dati Copernicus di Novembre per capire questo grande errore di cui parli.
Avatar utente
Refle 71
Messaggi: 1808
Iscritto il: dom giu 16, 2019 9:48 am
Località: S.AngeloinLizzola(PU)312m

Messaggio da Refle 71 »

fadigio79 ha scritto:
tifone ha scritto:
fadigio79 ha scritto: Ci sono le stagionali ECMWF che da 5 anni non ne sbagliano una. Mi spiace toglierti la poesia ma a parte Gennaio le Seasonal Forcast danno anomalie pesanti sia a 500hpa che di temp. Quindi se vuoi campare di speranza buon per te...io c'ho rinunciato.
nulla di più errato.. per il nordest europeo questo periodo giusto ad esempio davano forte sopramedia e mi pare sia l'esatto opposto. Le stagionali non si misurano solo in Italia. Cordiali saluti
Le long range forecasts di ECMWF sono su base mensile, quindi non capisco a quale periodo ti riferisci.



Aspetto i dati Copernicus di Novembre per capire questo grande errore di cui parli.
Come si può pensare che le stagionali ECMWF, per quanto sicuramente molto valide, possano avere la verità in tasca per ogni angolo di questo pianeta?
Di errori ne hanno fatti in passato e ne faranno in futuro, ma questo è normale in una scienza così complessa.
Quando si arriverà ad avere delle stagionali senza più errori per ogni singolo territorio della terra, vorrà dire che anche le previsioni del tempo saranno diventate certe anche nei particolari e anche a lunghissima scadenza
Gabriele_2021
Messaggi: 1173
Iscritto il: lun dic 13, 2021 8:01 pm
Località: Medolago

Messaggio da Gabriele_2021 »

Buongiorno
Ec continua a mantenere la sua linea evolutiva rappresentata nel diagramma di hovmoller, per un periodo più stabile e mite sul mediterraneo per via di un regime più zonale da nao+ , a seguito dell'AWB , al netto di qualche rapida incursione fredda non esclusa . Questo in virtu di una fase di ricomponimento delle vorticita polari, forzato anche dal ruolo della mjo nelle sue interazioni con la variabilità a bssaa frequenza dei tropici, favorevole ad una risalita della fascia anticiclonica alle medie latitudini.
Nel frattempo in seconda decade si potrebbe assistere all'affermazione di un bocco sugli Urali, mar di barents - kara, congeniale ad una ripresa dei disturbi verso l'alto secondo una configurazione da onde planetarie riflettenti , sostenendo potenzialmente la strutturazione di un pattern WACE e discesa gelisa sull'est asiatico in seno ad una traslazione verso sud est sull'anticiclone russo siberiano con il possibile patrocinio della madden ( tuttavia la magnitudo sarebbe scarsa). Tale pattern sarebbe compatibile ad un evento di vps allungato come viene previsto da gfs ed ec in accordo ad alcuni segnali precursori attualmente presenti secondo cohen et al 2021 come il blocco groenlandese e depressioni in Europa con un vantaggio di circa 2 settimane. L'ondata di gelo si asspcierebbe alla coppia di torsione montagnosa con accelerazione del getto sul pacifico a favore di una maggiore zonalita a sostenere la depressione aleutinica attraverso un modello nino liike da PNA+
A seguito della riflessione delle onde planetarie verrebbe rafforzato un ridge sull'alaska e consequenziale avversione gelida sugli usa orientali verso le feste natalizie , mentre il getto approderebbe in atlantico. Come il treno d'onda si infranga con le rossby oceaniche non è dato da sapere. In assenza di un forte segnale mjo, calerebbero potenzialmente le possibilità di scand+ e dipenderà dal gradiente di vortocita potenziale che in quel frangente si troverà in atlantico nel rimodulare l'assetto delle figure bariche europee. Per l'italia quindi rimane un punto in sospeso da chiarire nei giorni a venire.
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

Buongiorno e buona domenica,
aggiornamenti che evidenziano una ripresa del momento angolare
e di conseguenza un rinforzo delle westerlies attraverso
il trasporto meridionale a 35° nord .
Grazie alle coppie di pressioni e frictional/Mountain torque positivi.

Immagine
Immagine


Il momento angolare atmosferico (AAM) fornisce un quadro utile per tracciare le conseguenze globali di questi fenomeni meteorologici substagionali ed è un punto di partenza per monitorare i loro impatti regionali. Quasi 30 anni fa Langley et al. (1981) hanno documentato la presenza di variazioni di circa 50 giorni nella durata del giorno e nell'AAM globale. Anderson e Rosen (1983) collegarono queste variazioni alla MJO e analizzarono una propagazione coerente verso i poli e verso il basso delle anomalie del vento zonale medio zonale. Le anomalie AAM globali raggiunsero il picco quando il vento zonale medio zonale si spostò nelle zone subtropicali.
Infatti i relativi studi a riguardo sostengono una modalità separata di variazione globale dell’AAM substagionale, ma anziché oscillatoria presupponevano che la sua forzatura e l’evoluzione fossero stocastiche. La fisica sottostante era collegata al tentativo dell'atmosfera di mantenere l'equilibrio dell'AAM in presenza di eventi di torsione montana grandi o raggruppati. Un’analisi media zonale suggerisce che i flussi di momento impulsivo, in particolare attraverso 30-40 N, svolgono un duplice ruolo di eccitare la coppia di montagna e di trasportare lo slancio risultante dalla regione montuosa di origine alla regione di pozzo di attrito attraverso vortici di media latitudine. Una caratteristica di questo processo di aggiustamento è una relazione di quadratura nelle serie temporali globali dell'attrito e della coppia di montagna con la coppia di attrito che precede.
La MJO produce varianza in una banda di frequenza simile e l'interazione tra essa,
e il processo di rumore di attrito è vista come un prototipo dell'interazione tropicale-extratropicale.

Osservando le view cfs per dicembre, queste mostrano un quadro precipitativo
coerente con questo sviluppo circolatorio , cioè l'imposizione di un flusso zonale basso
e relativo impatto orografico.
Ovviamente anche l'aspetto termico risentirà di questa circolazione che espone il centro sud , specie lato adriatico, a maggiori altalene termiche, mentre al nord
non si escludono fasi più idonee anche a nevicate a bassa quota, così come
ad affermazioni di cunei anticiclonici .

Immagine
Immagine


Pare abbastanza consolidato il passaggio NAO seppur senza punte positive significative

Immagine

Successivamente il segnale tende a disperdersi nelle fasi , cioè mostra incertezza
nello spazio d'interferenza tra azioni di blocco e anti blocco acquisendo
caratteristiche bimodale.

Immagine

Se consideriamo i tempi di trasporto e propagazione d'onda al verificarsi
ed al confermarsi di tali caratteristiche evidenziate, risulta più probabile che
un riassetto polare più idoneo allo sviluppo di onde di rossby vada a collocarsi
in tarda terza decade di dicembre.
Al momento tutto ciò rimane una semplice congettura previsionale ad ampio spettro ,
quindi sempre meglio affidarsi ai GM e valutare passo passo le evoluzioni proposte.
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

Da valutare altresì il disturbo ad un onda in stratosfera .

Immagine

Questo un virtù o di un semplice sviluppo di rimbalzo e successiva risoluzione ,
oppure per una condizione più importante per risposta angolare
alla sollecitazione impressa dall'onda che imprimerebbe un moto
di accelerazione e trasmissione in troposfera.
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

Brevissimo termine per EC

Immagine
Immagine

Speriamo in qualche soddisfazione per gli amici del nord 👍
Gelo Etna
Messaggi: 463
Iscritto il: ven ott 14, 2022 8:51 am
Località: Acireale

Messaggio da Gelo Etna »

picchio70 ha scritto:Buongiorno e buona domenica,
aggiornamenti che evidenziano una ripresa del momento angolare
e di conseguenza un rinforzo delle westerlies attraverso
il trasporto meridionale a 35° nord .
Grazie alle coppie di pressioni e frictional/Mountain torque positivi.

Immagine
Immagine


Il momento angolare atmosferico (AAM) fornisce un quadro utile per tracciare le conseguenze globali di questi fenomeni meteorologici substagionali ed è un punto di partenza per monitorare i loro impatti regionali. Quasi 30 anni fa Langley et al. (1981) hanno documentato la presenza di variazioni di circa 50 giorni nella durata del giorno e nell'AAM globale. Anderson e Rosen (1983) collegarono queste variazioni alla MJO e analizzarono una propagazione coerente verso i poli e verso il basso delle anomalie del vento zonale medio zonale. Le anomalie AAM globali raggiunsero il picco quando il vento zonale medio zonale si spostò nelle zone subtropicali.
Infatti i relativi studi a riguardo sostengono una modalità separata di variazione globale dell’AAM substagionale, ma anziché oscillatoria presupponevano che la sua forzatura e l’evoluzione fossero stocastiche. La fisica sottostante era collegata al tentativo dell'atmosfera di mantenere l'equilibrio dell'AAM in presenza di eventi di torsione montana grandi o raggruppati. Un’analisi media zonale suggerisce che i flussi di momento impulsivo, in particolare attraverso 30-40 N, svolgono un duplice ruolo di eccitare la coppia di montagna e di trasportare lo slancio risultante dalla regione montuosa di origine alla regione di pozzo di attrito attraverso vortici di media latitudine. Una caratteristica di questo processo di aggiustamento è una relazione di quadratura nelle serie temporali globali dell'attrito e della coppia di montagna con la coppia di attrito che precede.
La MJO produce varianza in una banda di frequenza simile e l'interazione tra essa,
e il processo di rumore di attrito è vista come un prototipo dell'interazione tropicale-extratropicale.

Osservando le view cfs per dicembre, queste mostrano un quadro precipitativo
coerente con questo sviluppo circolatorio , cioè l'imposizione di un flusso zonale basso
e relativo impatto orografico.
Ovviamente anche l'aspetto termico risentirà di questa circolazione che espone il centro sud , specie lato adriatico, a maggiori altalene termiche, mentre al nord
non si escludono fasi più idonee anche a nevicate a bassa quota, così come
ad affermazioni di cunei anticiclonici .

Immagine
Immagine


Pare abbastanza consolidato il passaggio NAO seppur senza punte positive significative

Immagine

Successivamente il segnale tende a disperdersi nelle fasi , cioè mostra incertezza
nello spazio d'interferenza tra azioni di blocco e anti blocco acquisendo
caratteristiche bimodale.

Immagine

Se consideriamo i tempi di trasporto e propagazione d'onda al verificarsi
ed al confermarsi di tali caratteristiche evidenziate, risulta più probabile che
un riassetto polare più idoneo allo sviluppo di onde di rossby vada a collocarsi
in tarda terza decade di dicembre.
Al momento tutto ciò rimane una semplice congettura previsionale ad ampio spettro ,
quindi sempre meglio affidarsi ai GM e valutare passo passo le evoluzioni proposte.
Ciao picchio quindi per il centro e il sud mitezza e poca pioggia?
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

Sembrerebbe così Gelo, sono linee generali di massima :wink:
Il riferimento riguarda le medie

Arome

Immagine
Gabriele_2021
Messaggi: 1173
Iscritto il: lun dic 13, 2021 8:01 pm
Località: Medolago

Messaggio da Gabriele_2021 »

picchio70 ha scritto:Brevissimo termine per EC

Immagine
Immagine

Speriamo in qualche soddisfazione per gli amici del nord 👍
Sono fiducioso
Stamane bella gelata
Pozzanghere di ieri ghiacciate
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

WRF

Immagine
Avatar utente
picchio70
***SUPER FORUMISTA TOP***
Messaggi: 33290
Iscritto il: dom gen 26, 2014 7:25 pm
Località: Città Sant'Angelo 317mt

Messaggio da picchio70 »

Lo spero per voi Gabriele.
Guardiamo il bicchiere mezzo pieno dai, perché c'è anche da rammaricarsi
per la mancanza di un bel fronte un arrivo ed una ciclogenesi
idonea, date le premesse termiche .
Poteva scapparci anche un episodio di buona fattura.

Icon

Immagine
michele57
Messaggi: 2414
Iscritto il: sab gen 19, 2013 2:05 pm
Località: Bagnoli Irpino (AV)

Messaggio da michele57 »

Buongiorno a tutto il forum.

Stamattina leggevo gli interventi di "gabriele 21" e di "Picchio70".
Queste ultime correlate da tabelle.

Io dalle stesse traggo queste conclusioni:

Fino a Natale non dovremmo aspettarci grosse novità sotto l'aspetto termico. In sostanza temperature poco fredde. In un contesto dove la dinamicità la farebbe da padrona. Infatti, non mancherebbero le precipitazioni, intervallate da fasi alto pressorie. Finale del mese aperto a dell'evoluzioni più congeniali per assistere ad un cambio di pattern che potrebbe portarci in una fase più invernale.
Tali conclusioni, a dire il vero, sono accompagnate da spiegazioni che supporterebbero tale previsione( soprattutto nello scritto di Picchio 70).

Una previsione, a più lungo raggio, che evidenzia il coraggio di prospettare una evoluzione su tempistiche davvero da lungo termine.
Gelo Etna
Messaggi: 463
Iscritto il: ven ott 14, 2022 8:51 am
Località: Acireale

Messaggio da Gelo Etna »

picchio70 ha scritto:Sembrerebbe così Gelo, sono linee generali di massima :wink:
Il riferimento riguarda le medie

Arome

Immagine
Male anzi malissimo, si parte del sud e in Sicilia situazione molto precaria per la siccità. Speriamo in un cambiamento dopo la.meta del mese
Gabriele_2021
Messaggi: 1173
Iscritto il: lun dic 13, 2021 8:01 pm
Località: Medolago

Messaggio da Gabriele_2021 »

Ciao Michele
Come accennavo ieri ec continua a proporre un cambio a fine mese con depressioni avvicinarsi al mediterraneo, da valutare l'impatto dei pacchetti d'onda in arrivo dal pacifico per mt+ e pattern americano
Sul.settore euroatlantico situazione più nebulosa aperta a diverse combinazioni come si evince dagli eof
Serenovariabile
Messaggi: 293
Iscritto il: gio set 30, 2021 6:11 pm
Località: Legnano

Messaggio da Serenovariabile »

picchio70 ha scritto:Lo spero per voi Gabriele.
Guardiamo il bicchiere mezzo pieno dai, perché c'è anche da rammaricarsi
per la mancanza di un bel fronte un arrivo ed una ciclogenesi
idonea, date le premesse termiche .
Poteva scapparci anche un episodio di buona fattura.

Icon

Immagine
Le termiche non sono particolarmente fredde: -1° sotto i 1000 metri, e soprattutto +0/1° al suolo. E quindi non è detto che sia neve sicura.
Sono scettico sulle precipitazioni previste deboli da molti LAM. Il minimo passa sul golfo di Genova, e questo lascia intendere almeno a precipitazioni moderate in Valpadana. Infatti alcuni LAM piazzano anche più di 20mm.
Questa carta direi che è una via di mezzo:

Immagine
Bloccato