00:00 25 Gennaio 2017

METEO A 7 GIORNI: la NEVE al nord-ovest annuncerà un cambiamento di configurazione sull’Italia…

Sta per terminare il lungo periodo dominato dalle correnti orientali o settentrionali; dai primi giorni di febbraio aria più mite sull'Italia e precipitazioni soprattutto al nord e parte del centro.

La neve si avvicina lentamente al settore di nord-ovest…

L’alta pressione ancora bel salda sull’Europa centro-orientale tenderà a ritirarsi verso levante, non prima di averci inviato l’ultimo "pacchetto freddo" da est tra giovedì e le prime ore di venerdì.

Contemporaneamente, una saccatura atlantica discretamente strutturata, si avvicinerà alla nostra Penisola da ovest; al suo interno un sistema frontale che tra venerdì e sabato interesserà la Sardegna, parte della Sicilia e il settore di nord-ovest.

Sotto osservazione le nevicate che potrebbero manifestarsi tra il Piemonte, l’ovest della Lombardia e l’Appennino Ligure centro-occidentale nel lasso di tempo considerato.

La prima mappa, incentrata nella notte tra venerdì 27 e sabato 28 gennaio, mostra la neve che potrebbe imbiancare le zone sopra citate. Rovesci di un certo peso colpiranno inoltre il Mar Ligure, il Tirreno centro-settentrionale e la Sardegna, sotto folate più miti di Scirocco (frecce rosse).

Sul resto della Penisola non avremo fenomeni, a parte un aumento della nuvolosità ad iniziare dalle regioni tirreniche, ma non associato a precipitazioni.

Il contesto termico sarà ovviamente freddo al nord, relativamente mite invece al centro e al sud.

Volgendo lo sguardo oltre e arrivando alla fine del mese, notiamo un cambiamento di configurazione importante sulla nostra Penisola.

L’alta pressione che da settimane incombe sull’Europa centrale tenderà a spostarsi verso levante; le correnti fredde da est smetteranno di soffiare e saranno sostituite da aria più mite e umida proveniente dai quadranti meridionali (frecce rosse).

Da notare la maggiore propensione delle depressioni atlantiche a muoversi verso levante, stante la rimozione dell’ostacolo altopressorio sul Continente.

Una situazione del genere determinerà una fase mite e asciutta al meridione, mentre il nord e parte del centro verranno raggiunte da precipitazioni più o meno intense, unitamente a nevicate sulle Alpi a quote medio-alte.

Se volete delucidazioni sul tempo a lungo termine vi invitiamo a leggere la rubrica Fantameteo. Per il momento ecco la linea di tendenza del tempo fino a mercoledì 1 febbraio.

Giovedì 26 gennaio tempo abbastanza buono ovunque salvo le ultime precipitazioni all’estremo sud, in via di attenuazione, un po’ freddo specie al nord.

Venerdì 27 gennaio peggiora su Sardegna, Sicilia e nord-ovest con precipitazioni; sul nord-ovest possibile neve in pianura specie tra pomeriggio e sera, altrove tempo asciutto. Freddo al nord, mite al centro e al sud.

Sabato 28 gennaio possibile neve tra pianura piemontese, ovest Lombardia e Appennino Ligure centro-occidentale, in attenuazione nel corso della giornata; piogge su Sardegna, bassa Toscana e Sicilia, per il resto asciutto. Freddo al nord, mite al centro-sud.

Domenica 29 e lunedì 30 gennaio generali condizioni di variabilità con qualche pioggia specie al centro-nord, clima più mite.

Martedì 31 gennaio e mercoledì 1 febbraio peggiora al nord e sull’alto Tirreno con piogge e neve sulle Alpi, asciutto e abbastanza soleggiato il tempo altrove, mite ovunque.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 

Autore : Paolo Bonino