14:53 7 Dicembre 2023

Altra ondata di maltempo dopo la breve pausa, occhi puntati al 13-14 dicembre

 

Sempre più conferme arrivano dai principali centri di calcolo sull’ipotetico peggioramento a ridosso di metà dicembre, precisamente tra 13 e 14 del mese. L’anticiclone è confermato, sia chiaro, ma non dovrebbe avere una durata maggiore ai tre giorni! La pausa dunque durerà essenzialmente tra domenica 10 e martedì 12, dopodiché il tempo tornerà a peggiorare grazie a nuove pulsazioni tiepide sub-tropicali verso l’Atlantico settentrione, in grado di aprire un vero e proprio "tunnel instabile" sul Mediterraneo.

Le correnti fredde nord-orientali scivoleranno sull’Europa centrale ed infine sul Mediterraneo, dove daranno vita ad un peggioramento di stampo tardo autunnale, caratterizzato da freddo modesto e precipitazioni abbastanza diffuse.

Il modello americano GFS (mappa qui sopra) mostra un’ondata di maltempo decisamente più vasta e ficcante per l’Italia, con precipitazioni diffuse e localmente forti. Non si tratta delle correnti ideali per l’arrivo dei fenomeni sul nordovest, mentre nordest, centro e sud farebbero i conti con piogge diffuse e neve in montagna.

Anche il modello europeo ECMWF propone un peggioramento tra 13 e 14 dicembre, seppur meno marcato rispetto al collega americano. Anche in questo caso avremmo un maggior interessamento, da parte delle piogge, del centro e del sud.

Di seguito possiamo osservare le piogge previste tra il 13 dicembre e le prime ore del 14. Le piogge più sostanziose sono concentrate sul nordest, mentre il nordovest, specie Piemonte e Liguria occidentale, si ritroverebbero al margine del maltempo.

Autore : Raffaele Laricchia