Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Come si muoverà l'ex uragano "Charlie" una volta arrivato sull'Europa?

In parte influenzerà anche il tempo delle nostre regioni, portando qualche temporale, ma soprattutto aprendo la strada per qualche giorno a venti relativamente freschi di origine atlantica.

Sotto la lente - 20 Agosto 2004, ore 11.24

Ormai ci siamo; l'ex uragano Charlie, responsabile di danni ingenti e morti in Florida, ha preso la strada dell'Atlantico settentrionale, indebolendosi e diventando una normale depressione atlantica; le sue origini però gli permettono di godere di una certa attenzione da parte dei meteorologi e degli appassionati, visto che il ciclone potrebbe ancora presentare delle riserve di energia "dormienti" in grado di permettere la sconfitta dell'anticiclone africano sul Mediterraneo almeno per qualche giorno. Potremmo essere infatti di fronte ad una prima decisa sconfitta per il "Gobbo di Algeri", (l'anticiclone africano) una botta che lo lascerà stordito e probabilmente titubante nel tornare a dominare la scena mediterranea nei primi giorni di settembre. Ma entriamo un po' più nel dettaglio: l'ex uragano al momento si trova fra Islanda e Terranova, presenta un centro di 1006 hPa, e si sta muovendo piuttosto rapidamente verso le Isole Britanniche. Dal tardo pomeriggio di domani il vento comincerà a rinforzare sull'Irlanda, ed in tarda serata anche su Cornovaglia e Sommerset; nella nottata su domenica i venti su queste zone diverranno a tratti forti, inoltre si assisterà ai primi forti acquazzoni, in estensione nella mattinata successiva alla Bretagna ed alla Galizia. Nel frattempo la perturbazione rallenterà il suo moto verso est, e comincerà a richiamare aria più calda sud; sulla Spagna è quindi da attendersi un calo di pressione ed un deciso aumento della temperatura rispetto al sabato. Lunedì il ciclone si estenderà a Danimarca, Francia settentrionale e Germania favorito dalle intense correnti in quota; a noi però interessa il movimento del suo ramo freddo, quel settore della perturbazione seguito da aria fresca di origine oceanica, un corpo nuvoloso che già nella serata di lunedì avrà attraversato bunoa parte della Spagna, riportando rapidamente le temperature su valori gradevoli sul settore occidentale. Martedì finalmente il fronte freddo si avvicinerà all'Italia, attivando un richiamo di aria calda sulle regioni centro-meridionali; al nord invece il tempo comincerà a peggiorare. Mercoledì la perturbazione attraverserà nord, Toscana e Marche, portando temporali qua e là, ma soprattutto un certo calo delle temperature, con valori che si manterranno su livelli gradevoli anche nei giorni successivi; temperatura in calo anche sulle altre zone, a causa della cessazione dei venti caldi dal basso Mediterraneo.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum