Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Una situazione tutta da seguire

Scenari differenti si aprono davanti a noi dopo l’ondata di freddo che sta per colpirci.

Meteo 7 giorni - 13 Dicembre 2001, ore 15.01

Eccoci qua a parlare di quello che potrebbe capitare da qui fino a Natale. Il freddo c’è o ci sarà, ma il nostro compito è quello di informarvi su quello che potrebbe accadere a medio e a lungo termine. Diverse figure cercano di imporsi sul nostro continente e valutare quale di queste sarà la più forte è un compito assai difficile. C’è sempre l’anticiclone, che dal mese di agosto non è mai morto. Dopo essere migrato verso alte latitudini consentendo all’Italia di vivere una bella ondata fredda, adesso cercherà di tornare nella sua posizione originale proteggendo di nuovo il nostro paese. Tuttavia altre due figure cercheranno di imporsi prima di lui, vanificando questo tentativo. La prima è una depressione atlantica, molto profonda e posizionata alla latitudine corretta. Questa tenterà di inviare il suo messaggio umido sul nostro paese, distribuendo neve alle zone alpine, ma facendo inesorabilmente aumentare le temperature sulle altre regioni. La seconda è una depressione a carattere freddo che da nord tenterà di imporsi di nuovo sull’Europa orientale e su parte dell’Italia. Se il tentativo andasse in porto ci sarà occasione per nuove nevicate sull’Appennino centro-meridionale, ma al nord Italia continuerebbe a regnare la siccità. In questi casi è assai difficile sbilanciarsi, ma noi dobbiamo pure provarci, con il rischio di essere smentiti dai fatti. L’alta pressione sembra ormai in fase di stanca, sballottata, sbattuta a destra e a sinistra e accerchiata da ogni lato. Potrebbe imporsi di nuovo, quest’anno ci ha abituato a spettacolari recuperi in extremis, ma se ciò dovesse avvenire riteniamo sia per un breve periodo. La depressione a carattere freddo riuscirà a dire la sua, magari in un primo tempo, ma poi stante l’appiattimento dell’alta pressione lungo i paralleli, questa potrebbe essere confinata molto ad est senza più avere influenza su di noi. Rimane la depressione atlantica. Perché puntiamo su questa ? Perché è una figura giovane e nuova. Le sue continue bordate contro il tessuto dell’alta pressione potrebbero farlo cedere e se ciò avvenisse le correnti occidentali dilagherebbero come un fiume in piena su tutta l’Europa. E l’anticiclone russo? Sembra che dopo la temporanea fusione con il suo collega sub tropicale se ne torni da dove è venuto. Questa è la nostra opinione al momento. Vedremo se nei prossimi giorni sarà avvalorata o smentita. Continuate a seguirci.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum