Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ultimissime della sera: la VERA estate inizia adesso

Rinforzo dell'alta pressione sull'Europa con valori termici in netta salita; ecco COSA dovremo aspettarci nei prossimi giorni.

In primo piano - 7 Giugno 2017, ore 21.35

Situazione attuale: giornata interlocutoria che ci separa tra la circolazione depressionaria che ci ha tenuti impegnati le scorse giornate ed il rinforzo di una figura d'alta pressione a partire dai settori occidentali d'Europa. Il tempo si è presentato stabile e le temperature gradevoli ovunque, abbiamo ancora delle manifestazioni di instabilità sul nord-est Italia (Veneto orientale, Friuli) con alcuni temporali. Libeccio e Maestrale attivi sui bacini occidentali con mari mossi o molto mossi. 

L'esordio di un lungo periodo di stabilità atmosferica, previsti valori termici elevati. 

Entriamo nel vivo del periodo estivo attraverso l'entrata in scena di una figura d'alta pressione che promette di portare sul nostro Paese, diverse giornate dalle condizioni atmosferiche STABILI. I valori termici in sensibile aumento rispetto agli standard attuali, da qui a domenica 11 giugno, su alcune delle nostre regioni sperimenteranno risalite della temperatura sensibili e decise, con picchi ovunque superiori ai +30°C. Faranno eccezione le aree costiere che, risentendo delle brezze marine, potranno almeno almeno inizialmente beneficiare di una relativa, maggiore frescura. 

L'impennata delle temperature particolarmente sensibile anche in aria libera; parlando di numeri, nella mattinata di domani, giovedì 8 giugno, i valori termici ad 850hpa (circa 1500 metri) sulle regioni settentrionali si aggireranno attorno +10°C, ebbene a tale quota nel pomeriggio/sera di domenica 11 troveremo un valore di ben +18°C, uno scarto termico davvero considerevole!

Le giornate più calde; quando, dove, come. 

Appaiono posticipati un po' più in là nel tempo i picchi massimi di temperatura al suolo che, secondo le proiezioni attuali, dovrebbero essere raggiunti tra lunedì 12 e mercoledì 14 giugno. Alla quota di 850hpa le temperature potrebbero toccare la soglia dei +20°C sia nel sud della Francia che su gran parte del nostro Paese. L'apice della calura come sovente accade sulla Penisola Iberica. 

Al suolo nelle zone interne i picchi di temperatura previsti potranno sfiorare +35°C in diverse occasioni; senza dubbio le regioni che più di altre potranno assistere alle risalite termiche più rilevanti saranno la Valpadana (Emilia), le due isole maggiori e le zone interne dell'Italia centrale (Lazio, Toscana). Altrove valori un po' più contenuti. 

INSTABILITA' e FRESCURA: speranze per il futuro? 

Sotto questo fronte le novità sono davvero poche; ciò che disegnano questa sera i nuovissimi aggiornamenti, è un vero e proprio rialzo delle fasce anticicloniche subtropicali che confinerebbero il flusso perturbato atlantico su di una latitudine alquanto elevata.

Strada sbarrata quindi alle perturbazioni che faranno fatica ad entrare persino sui settori più occidentali d'Europa; il tempo sarebbe stabile e buono sia sulla Penisola Iberica che sulla Francia, l'instabilità si limiterebbe ad interessare la parte più settentrionale del Regno Unito (Scozia) per poi scivolare verso la Penisola Scandinava e la Russia.

Se le cose stessero così, con queste prospettive le speranze di una risoluzione a breve termine di questa situazione appaiono fortemente diminuite. 

A presto per nuove news su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum