Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tra lunedì e martedì Italia nel mirino dell'instabilità

Aria fredda in arrivo dal comparto europeo orientale sarà all'origine dello sviluppo di un corpo nuvoloso che tra lunedì e martedì porterà condizioni di tempo instabile, con rovesci, qualche temporale e nevicate in montagna, segnatamente sulle Alpi. Ecco il dettaglio.

In primo piano - 9 Aprile 2010, ore 11.25

Parte la seconda decade di marzo e parte anche una situazione di tempo più tipicamente invernale che primaverile. La stagione avanzata farà in modo che l'aria fredda in arrivo dalla Russia e dall'Europa orientale non sarà gelida come se l'irruzione fosse avvenuta in pieno gennaio, tuttavia il profilo di questa massa d'aria in arrivo sarà alquanto irregolare e quindi instabile.

A questo dobbiamo senz'altro aggiungere la risposta dei nostri mari e dell'orografia italiana, complessa ma questa volta bene inquadrata dai modelli. L'impatto delle correnti contro l'Appennino prima e la Sardegna poi, determinerà a partire da domenica la rottura del flusso e la formazione di un minimo di pressione sul basso Tirreno. Attorno a questo minimo spiraleggerà un corpo nuvoloso, il quale si renderà responsabile delle condizioni di instabilità che a breve andremo ad analizzare. 

Domenica il raggio d'azione di tale corpo nuvoloso sarà piutosto stretto attorno al suo minimo e impegnerà in particolare le nostre regioni centro-meridionali peninsulari, dove sono attesi rovesci sparsi e la possibilità di spunti temporaleschi, specie sul comparto appenninico centrale.

Lunedì il ventaglio nuovoloso si allargherà e andrà a coinvolgere il centro-sud con una sveltagliata di rovesci, anche temporaleschi, più frequenti e intensi tra basso Lazio, Campania, Appennino molisano, Gargano, Appennino lucano, Calabria tirrenica e ovest Sicilia.

Martedì l'ulterore allargamento del compasso nuvoloso determinerà la dispersione dei fenomeni i quali si renderanno più probabili su Alpi centro-orientali, Triveneto, Puglia e Basilicata.In questo frangente apprezzeremo il calo delle quote neve sulle Alpi fin verso i 1000-1200 metri. Sul resto del Paese, soprattutto nelle zone e nei momenti interessati dalle precipitazioni, si precepirà un'aria decisamente frizzante che richiederà senz'altro un abbigliamento consono e non certo da primavera inoltrata.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum