Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Si prevedono ONDATE di CALDO intenso sull'Italia nei prossimi 10 giorni?

Su questo articolo cerchiamo di spiegarvi perchè nei prossimi giorni le grosse ondate di caldo per il nostro Paese saranno poco probabili. Leggete con attenzione.

In primo piano - 9 Luglio 2020, ore 12.40

La circolazione prevista in ambito europeo nel cuore del mese di luglio, continuerà a restare di tipo oceanico, quindi sarà principalmente l'anticiclone delle Azzorre a dominare la scena atmosferica europea in questo scorcio d'estate. Le masse d'aria avranno una provenienza di tipo occidentale, sull'Europa centrale e settentrionale il passaggio delle perturbazioni direttamente prodotte dall'attività depressionaria atlantica - sarà particolarmente frequente. A risentire di questi passaggi saranno anche parte delle regioni settentrionali italiane. Con questo tipo di circolazione, l'arrivo di grosse ondate di caldo sul nostro Paese, appare molto difficile.

Questo non significa che non farà caldo, infatti le temperature mediamente previste lungo lo stivale da qui ai prossimi 7-10 giorni, saranno pienamente estive, soprattutto nelle località interne del centro e del sud non saranno infrequenti picchi termici massimi fino a +32/+35°C, tuttavia almeno per quest'anno, sembra mancare quell'incipit in più nell'escalation delle temperature che può essere garantito soltanto da un'avvezione calda subtropicale africana. Stima delle temperature massime previste dal modello americano per domenica 12 luglio:

In QUALI condizioni si verificano forti ondate di caldo sull'Italia?

Gli elementi che contribuiscono allo sviluppo di forti ondate d'aria calda deve essere ricercato nella cosiddetta "circolazione zonale", cioè di quel flusso, potremo definirlo quasi un fiume in piena, che agevola il trasporto di masse d'aria oceaniche nel cuore del continente. Ebbene quando i venti oceanici per uno o più svariati motivi, vengono a mancare, spesso possiamo assistere allo sviluppo di circolazioni meridiane che molto facilmente durante l'estate mettono in gioco masse d'aria rovente di origine africana.

Essendo il nostro Paese ubicato a breve distanza dal continente nord Africano ed essendo che quest'ultimo durante l'estate raggiunge temperature estremamente elevate, è facile comprendere perchè durante il trimestre caldo lo stivale italiano sia così facilmente esposto alle avvezioni calde più potenti ed intense.

Questa analisi del modello americano riferita al 26 giugno 2019, mostra le conseguenze portate da una avvezione africana nel cuore del Mediterraneo. Da notare la depressione arenata a largo del Portogallo - che testimonia la "caduta" del getto sull'ovest Europa e sostanzialmente la mancanza di una circolazione occidentale a favore degli scambi diretti di calore e di aria fredda da nord/sud:


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum