Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Sfreddata post-natalizia in arrivo; poi l'anticiclone

I modelli sembrano confermare una riduzione della temperatura portata da una circolazione di aria fredda che tra sabato 28 e domenica 29, raggiungerà le regioni del medio e basso Adriatico. Nei giorni successivi, riscossa dell'alta pressione sull'Europa.

In primo piano - 25 Dicembre 2019, ore 21.45

Una circolazione di aria più fredda di instabile raggiungerà il nostro paese in concomitanza con l'arrivo del prossimo fine settimana. Questo impulso di aria fredda, prenderà origine da una pulsazione dinamica dell'alta pressione verso le latitudini settentrionali, dov'è tale anticiclone verrà accompagnato da una considerevole avvezione di aria mite che darà come risposta, una discesa di aria fredda sull'Europa orientale. Si tratta comunque di una fase temporanea che sarà poi seguita da una nuova distensione zonale. Ecco la previsione del modello europeo riferita a sabato 28 dicembre, nella quale possiamo osservare una pulsazione verso la latitudini settentrionali, del grande anticiclone presente sull'ovest Europa. Da questo movimento prenderà il via una discesa d'aria più fredda lungo il fianco orientale dell'alta pressione, ne verranno colpiti i paesi dell'Europa dell'est, i Balcani e le regioni del versante adriatico:

Nei primi giorni del gennaio 2020, le grandi depressioni figlie del Vortice Polare potrebbero ulteriormente intensificati, dando luogo ad una vera e propria cintura depressionaria accompagnato da un rialzo del Fronte Polare alle latitudini medio-alte. Questa manovra porterà inevitabilmente ad un nuovo rinforzo delle correnti occidentali associate di pari passo ad un rinforzo dell'alta pressione sull'Europa. Nei primi giorni di gennaio ci aspettiamo una fase di tempo tendenzialmente stabile e con temperature superiori alla norma. La previsione del modello europeo riferita al primo dell'anno (mercoledì 1), mette in evidenza il rinforzo successivo dell'alta pressione che potrà verificarsi attraverso l'approfondimento delle circolazioni di bassa pressione sull'oceano nord Atlantico. Il fronte polare resterà confinato ad elevate latitudini, senza interessare il Mediterraneo:


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum