Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

QUELLI CHE...aspettano la rottura estiva!

Per molti è un incubo che arriva a sentenziare l'epilogo di un mito. Per altri è un'autentica benedizione che arriva dal cielo. Di cosa stiamo parlando? Semplice: della fine dell'estate.

In primo piano - 12 Settembre 2008, ore 09.26

C'è chi la osanna e chi la disprezza, ma di certo è un mutamento che fa sempre parlare di sé, in un verso o nell'altro. Quest'anno in particolare, dopo mesi di canicola, di sudate disumane, di disagi a più non posso, ecco rompersi la monotonìa di una stagione che fin troppo ha spadroneggiato sul centro-sud Italia, dominando la scena in lungo e in largo per tre mesi filati, con ben poche eccezioni. Chi di caldo non vive, chi è costretto a lavorare sotto il sole, chi deve fare i conti con l'impossbilità di installare ventilatori od aria condizionata nei propri ambienti domestici, chi semplicemente non può far ferie ed è costretto a tenersi la sua città anche nei mesi di luglio ed agosto... beh, per tutti questi (e siamo in tanti) settembre è il mese della liberazione. Non sempre l'estate va via in un sol colpo: a volte questo processo può materializzarsi in settimane di transazione. Ma non stavolta. Stavolta accadrà l'esatto contrario. Una rottura improvvisa, decisa, fulminea e che a tratti si rivelerà dirompente. Conseguenze? Sì, ce ne saranno, e molte. Almeno a giudicare dai numeri che pioggia, vento e temperatura tireranno fuori dal pallottoliere della depressione italica nei prossimi giorni. Qualcuno potrà nutrire dispiaceri, malinconie o comprensibili nostalgìe di fronte al tramonto della bella stagione. Ma signori, dateci (anzi, ridateci) le nostre piogge. Ridateci i nostri temporali. Ridateci il soffio del vento e il brivido della mareggiata. Ridateci il temporale e tutta quell'ebbrezza atmosferica che il caldo latente ci aveva portato via, strappato via. Ridateci il gusto d'un cielo solcato da nubi, e di una visibilità tersa e leggera, schiva delle languide foschie da orizzonte malato. Ridateci l'amore per la nostra scienza vissuta. E svegliateci dal torpore d'un letargo che ci ipnotizza con il persistere della stabilità. Ascoltateci per tutto questo, e perdonateci per l'amore che nutriamo nei confronti della stagione autunnale. Non di sola neve, infatti, vive l'uomo che ama la meteo...

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum