Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Pronta una nuova ondata di FREDDO a partire da giovedì

Il cuore caldo dell'alta pressione si ritira verso ovest, lasciando l'Europa centrale sotto una circolazione più invernale. Ecco dove farà più freddo e dove potrebbe nevicare nel corso della settimana.

In primo piano - 17 Gennaio 2022, ore 18.30

SITUAZIONE ED EVOLUZIONE. Già da alcuni giorni il nostro Paese viene interessato da una circolazione anticiclonica accompagnata da un generale rialzo delle temperature. L'alta pressione presenta un punto cardine collocato a cavallo tra la penisola iberica, la Francia ed in parte il centro Europa dove in questi giorni abbiamo riscontrato in assoluto le condizioni atmosferiche più stabili. Ne usciamo da un weekend di tempo tranquillo anche sull'Italia, con pochi annuvolamenti che sono stati concentrati lungo i versanti tirrenici ma senza precipitazioni significative. 

Adesso la situazione generale atmosferica si approssima ad un cambiamento. La nuova settimana porta uno spostamento del baricentro anticiclonico verso ovest, favorendo sull'Europa centrale ed orientale una maggiore ingerenza delle correnti fredde in arrivo da nord. Essendo la terza decade di gennaio il periodo più freddo dell'anno, il quadro termico generale tenderà ad un ribasso che in questo caso risulterà più sensibile. Analisi in quota del modello americano GFS riferita a giovedì 20 gennaio, in cui si osserva una elevazione verso nord dell'anticiclone oceanico:

Qui sotto abbiamo invece le temperature previste alla quota di circa 1500 metri venerdì 21 gennaio. Da questa previsione del modello americano si osserva una discesa d'aria fredda portarsi a ridosso dell'arco alpino:

QUANDO SARÀ IL MOMENTO PIÙ FREDDO?

L'apice del calo termico verrà toccato tra sabato 22 e domenica 23 gennaio. Le temperature più fredde saranno appannaggio del medio e basso versante adriatico e dei settori jonici, dove si prevedono temperature fino a -7/-8°C al piano isobarico di 850hPa (circa 1500 metri). Al suolo il freddo sarà acuito dalla ventilazione tesa di Grecale e Tramontana.

Qualche precipitazione potrà verificarsi soprattutto sabato 22 al centro e al sud, in particolare su medio e basso versante adriatico, le regioni joniche e la Sicilia. Su Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata i fiocchi di neve potranno spingersi molto in basso. Ecco la probabilità della pioggia calcolata dal modello americano per sabato 22:

Qui sotto una stima delle temperature MINIME previste dal modello americano per domenica 23:

EVOLUZIONE SUCCESSIVA. Sull'Europa per gran parte di gennaio la circolazione dei venti resterà settentrionale oppure nord-orientale, con la posizione sempre molto invasiva dell'alta pressione oceanica nei confronti del Regno Unito, la penisola Iberica e la Francia. Ciò significa che le regioni del nord ed i versanti tirrenici per lungo tempo sperimenteranno una sostanziale mancanza di precipitazioni. Su questi settori il trend avaro di pioggia e di neve potrebbe protrarsi fino alla fine di gennaio. Maggiori chance di tempo instabile saranno prerogativa delle regioni meridionali. Temperature altalenanti con valori più miti quando l'anticiclone tornerà a coricarsi un po' sul centro Europa, più freddo quando quest'ultimo si ritirerà sull'ovest Europa.

Media Ensemble calcolata dal modello americano per martedì 25 gennaio:



Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum