Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Prima parte dell'inverno rovinata da un vortice polare compatto? Noi crediamo di NO

Notizie allarmanti sul prossimo compattamento del vortice polare, ma restano questa volta moltissimi dubbi sul condizionamento dei successivi 60 giorni sul tempo atmosferico.

In primo piano - 10 Novembre 2012, ore 08.29

L'incubo degli inverni senza neve è sempre ricorrente tra gli appassionati.

In una stagione autunnale come questa, caratterizzata sino ad ora in sede europea da frequenti scambi meridiani con affondi depressionari importanti a beneficio dell'Europa centro-occidentale, stona un po' questo improvviso segnale di compattamento del vortice polare, con raffreddamento stratosferico che andrebbe a propagarsi lungo tutta la colonna isobarica.  

Pensare a questo punto che possa derivarne una fase caratterizzata da forti correnti zonali che persista per molto tempo, pare azzardato, sia perchè veniamo da quanto sopra esposto, sia perchè anche Il superamento della fatidica soglia di +1.5 del north anular mode, non è comunque in grado di annullare eventuali frenate della corrente a getto, in grado nuovamente di spingere verso il Mediterraneo onde perturbate importante, questa volta senza passare dalla Spagna, come scrivevamo anche ieri, ma magari con rivalutazione della via del Rodano, tanto snobbata negli ultimi anni dalle correnti.

Male che vada qualche nevicata interesserà comunque la dorsale appenninica e il versante nord dell'arco alpino e le temperature oltretutto si porterebbero finalmente su valori più adeguati alla stagione che stiamo per vivere.

Da rimarcare poi il fatto che un NAM positivo non comporti necessariamente situazioni zonali durature; una virata improvvisa verso valori negativi, può stravolgere completamente la situazione e disturbare notevolmente il vortice polare, scindendolo in più lingue "blu" e favorendo così nuovi ingressi perturbati a carattere freddo sul nostro Paese, sfruttando quella che secondo noi è la porta preferenziale di quest'anno, la via francese.

Vedremo se sarà così, intanto invitiamo tutti gli appassionati alla calma, il vortice polare in realtà farà fatica a ricompattarsi, lo dimostrano stamane anche le corse del modello americano, che vedono fatti nuovi ed importanti, tutt'altro che statici per noi, durante l'ultima decade del mese di novembre.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum