Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nuovo PEGGIORAMENTO tra domenica e lunedì: chi e quanto colpirà!

L'ipotesi del modello americano è quella mette in risalto maggiormente il peggioramento.

In primo piano - 26 Marzo 2020, ore 09.29

La cartina qui sopra mette in evidenza a livello barico quanto prevede il modello americano per la notte su lunedì 30 marzo:

Aria fredda che si porta dal centro Europa alle Alpi e finisce per sfondare in Valpadana, andando a scavare un minimo di pressione a ridosso del Golfo Ligure e dell'alto Tirreno. E' quello che il modello americano (ma anche altri, sia pure non in modo cosi marcato) prevede tra domenica 29 e lunedì 30 marzo, con conseguenze perturbate dirette al nord ed indirette anche sul resto del Paese.

Questo perché al centro e al sud si troveranno lungo l'asse ascendente di questa saccatura cosi stretta che dovrà ritagliarsi spazio ai bordi di un anticiclone in posizione anomala e sperimenteranno cosi le cosiddette piogge di ritorno, cioè indotte da un flusso umido ed instabile di Libeccio, con fenomeni che indugeranno maggiormente lungo il Tirreno.

Sulle Alpi nel frattempo tornerà la neve dalle quote medie e, con l'inserimento di aria ulteriormente fredda, nella notte su martedì 31 marzo il limite dei fiocchi potrebbe spingersi sin anche a sfiorare le zone pianeggianti prossime alla fascia prealpina.

Non è invece ancora del tutto chiaro se poi l'aria fredda vorrà sfondare anche al centro, esaltando l'instabilità anche su queste zone tra martedì 30 e mercoledì 31 e favorendo fenomeni pressoché ovunque. La mappa termica a 1500m del modello americano per la notte su martedì evidenzia lo sfondamento del freddo sul settentrione, ma non chiarisce se poi tale massa d'aria riuscirà a spingersi più a sud:

Ecco invece le mappe precipitative in sequenza previste per la giornata di domenica 29 marzo e lunedì 30 marzo secondo il modello americano, che mette in evidenza una fenomenologia forse anche sovrastimata, ma che comunque abbiamo voluto mostrarvi:

C'è comunque un notevole margine di incertezza sull'evoluzione e anche sull'esatta localizzazione dei fenomeni, pertanto vi invitiamo a seguire tutti i nostri aggiornamenti!

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum