Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO AMERICANO: nuovi TEMPORALI in arrivo sull'Italia a metà mese?

Break di tempo instabile con numerosi TEMPORALI al nord e su parte del centro tra martedì 14 e mercoledì 15 luglio ma quanto c'è di vero?

In primo piano - 8 Luglio 2020, ore 13.00

Sebbene luglio rappresenti il cuore vero e proprio dell'estate meteorologica, il periodo notoriamente più stabile e spesso anche quello più caldo, questo mese di luglio 2020 sembra trascorrere con temperature meno eclatanti, ed anche la circolazione atmosferica appare mediamente più vivace rispetto a quello che abbiamo potuto osservare negli ultimi anni. Si tratta di una situazione che poggia radici nel comportamento proprio degli anticicloni subtropicali che rispetto ad altri anni risultano spostati di qualche grado di latitudine più a sud. In questo modo gli impulsi di instabilità provenienti dall'oceano Atlantico oppure del nord Europa, riescono a portarsi più facilmente sul Mediterraneo.

Quest'oggi il modello americano ipotizza lo sviluppo di una perturbazione un po' più organizzata tra martedì 14 e mercoledì 15 luglio, ad esserne interessate sarebbero ancora una volta le regioni del centro e del nord. L'analisi sinottica del modello americano riferita proprio a mercoledì 15 luglio, mostra lo sviluppo di questa circolazione di bassa pressione associata al transito di un sistema frontale sul Mediterraneo centrale:

 

 Una primissima analisi preliminare di quella che potrebbe essere la distribuzione delle precipitazioni sul suolo italiano mercoledì 15 luglio, mostra una condizione di tempo molto instabile soprattutto per il nord ed i versanti tirrenici, dove potrebbero svilupparsi diversi temporali:

Quanto è affidabile questa previsione? 

Poco in realtà; infatti il modello americano al momento è l'unico a proporre questo tipo di evoluzione attorno alla metà del mese. Tutti gli altri modelli ed in particolare quelli europei, ipotizzano un passaggio assai più alto di latitudine, molto simile a quelli che si stanno verificando recentemente e che colpiscono soprattutto le regioni di nord-est, svolgendo un ruolo marginale sulle vicende atmosferiche del nostro nostro Paese.

La metà di luglio potrebbe quindi trascorrere con il passaggio di una perturbazione ma con maggiore probabilità di interessare la fascia alpina e prealpina ed occasionalmente le regioni di pianura del Triveneto, mentre al momento pare escluso un coinvolgimento più deciso dei settori tirrenici, soprattutto delle località marittime.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum