Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'inverno procede sottotono ma non completamente stabile

Il tempo previsto nei prossimi giorni secondo le ipotesi del modello europeo, ancora poco freddo sull'Europa ma non mancheranno gli episodi di instabilità.

In primo piano - 22 Gennaio 2020, ore 21.50

La terza decade di gennaio include i cosiddetti "giorni della merla", il periodo dell'anno in cui le temperature dovrebbero risultare più fredde. Eppure questo inverno 2020 non sembra presentare alcuna particolare caratteristica di freddo, in quanto una grossa frazione di territorio europeo, continua ad essere governata dalle correnti occidentali. Il Vortice Polare rimane sostanzialmente chiuso e poco propenso a produrre scambi meridiani in grado di portare masse di aria fredda verso la fascia delle medie latitudini. In questo modo viene inoltre amplificato il divario termico esistente proprio tra le latitudini polari e la fascia dei climi temperati, dove in queste ultime settimane troviamo un profilo delle temperature che rimane superiore alle medie del periodo.

Alla luce di queste considerazioni, il tempo previsto nella terza ed ultima decade di gennaio, avrà ancora poche caratteristiche invernali, al suo posto un lungo autunno con sostanziale mancanza di episodi maltempo invernale per i paesi dell'Europa centrale ed meridionale.

Nonostante questo panorama atmosferico non faccia felici gli amanti dell'inverno e della neve, viene comunque identificato dai modelli, il passaggio di almeno due distinti corpi nuvolosi indirizzati al nostro Paese; il primo tra questi è previsto tra venerdì e sabato interessare soprattutto le regioni settentrionali tirreniche, il secondo un po' più intenso, potrebbe interessare il Mezzogiorno ed una parte delle regioni centrali tra domenica e lunedì. Ecco la previsione del modello lamma riferita a lunedì prossimo, nella quale possiamo distinguere la presenza di una debole circolazione depressionaria collocata col proprio perno sulle regioni meridionali:

Non sembrano comparire dal cilindro scenari di inverno nemmeno nel lungo periodo, la circolazione atmosferica infatti continuerà ad essere governata da correnti occidentali generalmente miti che, con tutta probabilità, ci accompagneranno fino alla fine del mese. Ecco la previsione del modello europeo riferita a venerdì 31 gennaio, nella quale distinguiamo ancora un forte anticiclone sull'area mediterranea e meridionale europea, con una circolazione depressionaria molto profonda nel vicino oceano Atlantico:


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum