Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Instabilità padrona del centro-sud almeno fino a mercoledì

Prosegue la fase di tempo inaffidabile al centro e al sud, con sbalzi termici e possibilità di ulteriori nevicate sull'Appennino centrale.

In primo piano - 12 Aprile 2010, ore 12.00

L'aria fredda giunta da nord Europa sta facendo con diligenza il suo lavoro. Un lavoro un po' fuori stagione che concorre a mantenere frenate su valori complessivamente piuttosto bassi le nostre temperature.

Entrando nel dettaglio della circolazione mediterranea notiamo che questa aria fredda tende a invorticarsi, vuoi per motivi orografici dovuti al tormentato profilo del nostro Paese, vuoi per motivi dinamici legati al transito di strappi di vento alle quote superiori.

Questo mix di ingredenti seguiterà a favorire la frontogenesi, ossia la predisposizione della masse d'aria di venire a contatto diretto e a sviluppare nuvolosità organizzata. Le nostre regioni centrali e meridionali risulteranno infatti poste sul limite geografico dello scorrimento freddo, laddove entra in contatto con i flussi più miti di origine afro-mediterranea.

Una serie di minimi pressori si andrà scavando tra la Sardegna e il basso Tirreno alimentando di fatto queste onde corte depressionarie. Ecco dunque i fenomeni, attesi a macchia di leopardo su tutto il centro-sud almeno fino a mercoledì.

In seguito attendiamoci un lieve miglioramento, ma non pensiate che il tempo guarirà con un colpo di bachetta magica. L'instabilità proseguirà la sua opera, concentrandosi magari di più sui monti e attivandosi di preferenza nelle ore pomeridiane, aiutata dal riscaldamento solare.

Attenzione: la neve potrà ancora cadere sotto forma di rovescio sull'Appennino centrale, specie sul comparto abruzzese e molisano a quote poste tra 1400 e 1500 metri, ma localmente più in basso nel caso di rovesci più intensi. Limite più alto al sud, dove i fiocchi potranno semmai imbiancare le vette oltre i 1800-2000 metri, specie sul tratto lucano e sulla Sila.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum