Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il "getto pazzo" potrebbe invalidare il MALTEMPO di metà mese?

Questa mattina solo il modello europeo tiene alta la bandiera del passaggio perturbato di metà mese...

In primo piano - 5 Dicembre 2019, ore 10.10

Ci risiamo. Arriva il mese di dicembre e il vortice polare inizia a girare a mille, sparando un getto molto tirato su tutta l'Europa centrale e settentrionale. 

Se la corda delle correnti occidentali si tende troppo, le saccature si stirano e non ospitano un adeguato quantitativo di aria fredda al loro interno atto a renderle toniche. Morale: le saccature si spezzano o si allungano troppo sui meridiani risultando poco incisive sui nostri comparti. 

E' il "male invernale" degli ultimi anni che riemerge ogni volta che la stagione fredda fa il suo esordio nel mese di dicembre. 

Questa mattina c'è rimasto solo il modello europeo (per altro nella sua corsa ufficiale) a contemplare una saccatura tonica sul nostro Paese tra giovedi 12 e venerdi 13 dicembre, ecco la mappa: 

Notate l'apporto freddo sulla sinistra della saccatura (freccia bianca) e la "pompa di alimentazione calda" sulla destra (freccia rossa). 

Una situazione del genere porterebbe abbondanti nevicate sui rilievi del nord a quote anche basse, unitamente a precipitazioni sparse che si muoverebbero da levante verso ponente con nevicate che imbiancherebbero le cime del nostro Appennino. 

Il modello americano, per il medesimo lasso temporale (ovvero nella notte tra giovedi 12 e venerdi 13 dicembre) mostra la saccatura letteralmente martoriata dalla corrente occidentale troppo forte che spirerebbe dietro di essa: 

Come potete notare, la differenza con il modello europeo è lampante. Il sistema frontale sfilerebbe velocemente portando qualche pioggia al centro-nord e neve a quote elevate sulle Alpi in un contesto molto mite. Nient'altro! 

Il modello canadese, infine, risulta ancora più "lapidario" in questo senso: 

 

Secondo questo elaborato, il getto occidentale sarebbe talmente intenso che potrebbe formare una semplice e veloce ondulazione con piogge sporaiche al centro-nord e neve a quote elevate sulle Alpi. 

Al momento pensiamo sia più credibile la tesi del modello americano, in quanto l'elaborato europeo risulta sconfessato in parte dalla sua stessa media. Comunque vedremo...

Le previsioni dettagliate e specifiche per la tua cittàcontinuamente aggiornate:

>>> ROMA
>>> MILANO
>>> NAPOLI

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum