Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il FREDDO russo irromperà sull'Europa e l'Italia a febbraio?

I segnali in tal senso non mancano ma sono ancora minoritari rispetto a quelli che vedono un finale di stagione comunque sufficientemente dinamico ma mite.

In primo piano - 21 Gennaio 2021, ore 10.23

 

La media degli scenari del modello americano seguita a prevedere un esordio di febbraio simile a quello sperimentato nel gennaio del 2002 e in tante altre occasioni, cioè caratterizzato da una modesta area di alta pressione parcheggiata sul Mediterraneo occidentale e dal passaggio appena più a nord e più ad est del flusso perturbato atlantico e le sue perturbazioni.

Di tanto in tanto dunque si verificherebbe qualche precipitazione, anche nevosa sulle Alpi e in Appennino ma quasi sempre a partire dalle quote medie, farebbe poco freddo, non nevicherebbe su pianure e coste, per la verità di tanto in tanto una depressione sullo Jonio potrebbe favorire nevicate a quote piuttosto basse sull'Appennino meridionale e la Puglia. La versione "media" sarebbe questa:

Ci sono però altre interpretazioni dell'evoluzione del tempo per l'esordio del mese di febbraio. La nuova emissione "parallela" sperimentale del modello americano, da giorni insiste nel riproporre lo sfondamento delle correnti gelide da est sul centro Europa durante i primi giorni di febbraio, influenzando la circolazione zonale e favorendo conseguenze decisamente più invernali sul Continente e in prospettiva anche sull'Italia con ritorno di freddo e neve alle basse quote, specie al nord, come si evince da queste mappe:

Si formerebbe il classico ponte di Woejkoff tra l'anticiclone delle Azzorre e quello scandinavo, incernierano tra centro Europa e Mediterraneo tutto il maltempo di stampo invernale con reiterati afflussi freddi di matrice polare continentale (da est), i più freddi per l'Europa in questa stagione.

Ci sono anche altre mappe che vengono in soccorso di questa emissione, ce le propone il modello canadese, come si nota in questa mappa termica a 1500m prevista per gli stessi giorni:

Ci sono poi configurazioni diverse ma comunque votate al maltempo invernale, che poggiano sul presupposto del ritorno a scambi meridiani di calore importanti tra le latitudini, come vediamo qui sotto:

Rispetto alla linea di tendenza più probabile tracciata sopra queste "variazioni sul tema" hanno un'attendibilità del 25%, un po' poco, ma comunque sufficiente a tener viva l'attenzione su quanto accadrà a febbraio.

Seguite i nostri aggiornamenti!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum