Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "il sole porta ottimismo contro il virus ma c'è anche bisogno che piova"

Intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 6 Maggio 2020, ore 09.55

 

REDAZIONE: tutti vedono il sole, avvertono i primi caldi e sembra quasi che vogliano lasciarsi alle spalle il covid-19 con una spensieratezza che suona un po' prematura ed eccessiva.
GROSSO: sole, cieli azzurri, caldo, voglia di mare ma anche di passeggiate tra i monti. L'euforia della luce, che sperimentano ancora di più i popoli nordici dopo il grande buio invernale, porta in gran parte della popolazione una ventata di ottimismo, che è difficile arginare. Da qui nascono comportamenti spesso superficiali, perché si allenta la guardia con l'idea che tutto sia passato e, come ci segnalano gli studi cinesi, questo potrebbe essere rischioso. Wuhan ci ha messo 76 giorni per tornare alla normalità con pochissimi contagi e zero morti, noi abbiamo bruciato le tappe e vogliamo tornare a pieno regime ancora con un mucchio di contagi e in media 200 morti quotidiani sulle spalle. Una bella pretesa, che infatti non tutti per fortuna hanno recepito; non siamo un gregge di pecore che dice "beeene" appena il governatore di turno dice "liberi tutti", per fortuna ragioniamo. E infatti in molti per recarsi al lavoro hanno optato per il mezzo privato anziché assieparsi sui mezzi pubblici.

REDAZIONE: il lockdown ci ha fatto capire che potevamo lavorare attraverso lo smart-working, che molti ora vorrebbero sperimentare stabilmente. Non era il caso di pensarci prima?
GROSSO: certo, il 46% delle attività lavorative in questo momento viene svolto in smart-working, limitando gli spostamenti, gli sprechi di benzina, lo stress del traffico, l'inquinamento. In regioni densamente popolate come la Lombardia avrebbe dovuto essere sempre la priorità. Ho meno contatti sociali? Me li coltivo dopo il lavoro, cosi risulto anche più presente come padre o madre nella vita dei nostri figli, spesso abbandonata a se stessa e ho più tempo libero per me dopo il lavoro. Ci voleva il covid per accorgersene?

REDAZIONE: non bisognerà pensare anche al fatto che sta indubbiamente piovendo poco anche in questa primavera 2020?
GROSSO: certo, c'è un'occasione importante tra domenica e lunedì al nord e sulla Toscana, ma poco di più purtroppo. L'anticiclone africano, la più grande anomalia barica dell'ultimo trentennio, punta ad abbracciare sempre più stabilmente l'Italia. Si pensava che il freddo invernale accumulato sul Polo potesse fare chissà quali sfracelli in primavera, invece sta succedendo pochissimo. C'è ancora tanto da imparare in questa disciplina, cosi non c'è da stupirsi che di fronte all'offensiva covid, un virus totalmente nuovo, se ne siano sentite di tutti i colori anche da parte di quel mondo scientifico che avrebbe potuto (e magari anche voluto) darci qualche sicurezza e rassicurazione in più.

REDAZIONE: un anticiclone africano messo in quel modo dunque potrebbe condizionare tutta l'estate con temperature da forno?
GROSSO: adesso non esageriamo nell'altro senso. Cominciamo dall'episodio perturbato tra domenica 10 e lunedì 11 maggio, in seguito si aprono molti scenari, tra cui quelli di una pesante rimonta anticiclonica, ma per ora non vi è nulla di certo.
 


Autore : Redazione di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum