Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Eruzione Tambora 1815, le catastrofiche conseguenze sul clima d'Europa

Una delle eruzioni vulcaniche più potenti che ricordiamo a memoria d'uomo fu quella dell'aprile 1815 sul Tambora, in Indonesia. Ecco cosa accadde all'epoca, con le catastrofiche conseguenze sul clima nell'anno successivo.

In primo piano - 10 Aprile 2021, ore 17.06

Nell'aprile del 1815 sull'isola indonesiana di Sumbawa, Indonesia, si verificò l'eruzione del vulcano Tambora, un evento naturale di enorme portata, conosciuto ancora oggi come una delle eruzioni vulcaniche più potenti e distruttive che si ricordino a memoria storica, facendo il palio a pochi altri eventi che ebbero un impatto simile sul territorio e nella memoria collettiva. Il Tambora entrò in eruzione dopo un periodo di quiete della durata di svariati secoli. La ripresa di un nuovo ciclo eruttivo fu annunciata da un periodo di quasi 3 anni in cui si verificarono numerose eruzioni minori. La sera del 5 aprile una serie di fortissime esplosioni squarciarono l'edificio vulcanico, la colonna eruttiva raggiunse i 33 chilometri di altezza e le ceneri si sparsero nel territorio circostante su enormi distanze.

 

Ne seguì qualche giorno di quiete, prima di una nuova, gigantesca eruzione la sera del 10 aprile, con lo sviluppo di una nuova colonna eruttiva pliniana fino a 40 km di altezza. I numerosi flussi piroclastici distrussero i villaggi vicini e le ricadute di cenere con almeno 1 cm di spessore, occuparono un’estensione di 980.000 chilometri quadrati. L'eruzione si fermò dopo circa 24 ore, la sera dell’11 aprile 1815 l'attività poteva dirsi finalmente conclusa. Si stima che siano stati eruttati circa 40 chilometri cubi di materiale vulcanico. La cima del vulcano subì un collasso, con la formazione di un'enorme caldera, testimonianza ancora oggi di quel cataclima naturale.

 


CONSEGUENZE SUL CLIMA IN EUROPA.
 
L'eruzione aveva emesso in atmosfera enormi quantità di polveri vulcaniche ed anidride solforosa che filtrarono i raggi solari per almeno due anni, con ripercussioni sul clima dell'intero pianeta. Sull'Europa il 1816 fu l'anno senza estate, le temperature estive eccessivamente basse e le precipitazioni copiose recarono gravi danni all'agricoltura, le coltivazioni crescevano troppo lentamente ed in alcuni casi non arrivavano nemmeno a maturazione. Nell'arco di un paio d'anni il costo del grano negli Stati Uniti ed in Europa arrivò a raddoppiare.

Ci fu una grande crisi sul continente, con carestie e penuria di cibo che debilitò la popolazione, rendendo le persone vulnerabili alle carestie ed alla diffusione di malattie. Fu descritta come la peggior crisi di sussistenza del mondo occidentale dall'epoca storica fino al giorno d'oggi.

 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum