Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cosa succederà nel corso della prossima settimana?

Una prima intensa irruzione di aria fredda dall'Artico Canadese verso l'Atlantico centrale porterà alla formazione di una profonda depressione in vicinanza delle Isole Britanniche, provocando sulle nostre regioni una accentuazione delle condizioni di afa, ma anche un maggior rischio di forti temporali sulle Alpi.

In primo piano - 13 Agosto 2004, ore 10.30

Per capire che tipo di tempo potremo attenderci nel corso della settimana successiva al Ferragosto, è conveniente ampliare il nostro sguardo a tutta l'Europa e l'Atlantico, per vedere se ci sono grosse manovre in atto; in realtà al momento la situazione sembra abbastanza tranquilla: qualche perturbazione transita da ovest verso est sull'Europa centrale, mentre l'anticiclone delle Azzorre dopo una breve pausa di riflessione sta tornando a distendersi sul Mediterraneo. Più a nord però sta "covando" qualcosa di importante; innanzitutto la depressione adesso presente sulle Isole Britanniche, isolata dalle correnti d'alta quota più intense, si muoverà lentamente verso ovest, facendo affluire aria fresca verso le Azzorre. Questa manovra porterà entro le prossime 36-48 ore all'attivazione di venti umidi e piuttosto caldi dal settore portoghese dell'Oceano verso la Francia, un primo segno di cambiamento della circolazione; il fatto più importante però riguarda la discesa di una massa di aria fredda dall'Artico Canadese verso l'Atlantico centrale fra domenica e lunedì prossimi. Tale mossa porterà infatti all'approfondimento ulteriore della depressione atlantica, con conseguente accentuazione dei venti umidi e caldi già presenti su Spagna e Francia, venti che tenderanno ad interessare anche l'Italia per diversi giorni. Ma in "soldoni" cosa comporterà questa serie di mutamenti? In poche parole l'anticiclone africano tornerà a visitare le nostre regioni meridionali, ed in parte anche quelle centrali, con temperature in aumento e tempo in gran parte soleggiato; più a nord, fra il settentrione d'Italia, la Toscana, le Marche, ed a tratti anche la Sardegna, i venti umidi descritti prima si faranno sentire maggiormente, quindi oltre alle temperature aumenterà anche l'umidità, e di conseguenza anche l'afa; ovviamente a causa di tali condizioni al mattino ed in serata su molte zone saranno presenti anche delle nubi. Una nota particolare riguarda le Alpi e le Prealpi, dove a causa di alcune irregolarità nell'azione dei venti caldi si potranno creare condizioni favorevoli a brevi ma intensi temporali, specialmente nel pomeriggio a partire da mercoledì in poi, e nelle vallate più strette. A tratti qualche acquazzone potrebbe sconfinare sulla pianura piemontese o sulla bassa Lombardia, ma è ancora presto per entrare nei dettagli della previsione.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum