Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Colpo di coda INVERNALE: ci sarà? Quando si sbloccherà la situazione?

Dai primi di marzo l'anticiclone potrebbe perdere forza, implodere del tutto o migrare verso nord. Ecco le possibili conseguenze.

In primo piano - 22 Febbraio 2021, ore 10.36

Tornerà la neve a bassa quota durante la prima decade di marzo? 
Farà di nuovo un freddo da guanti e cappello o potremo metterli in naftalina sino al prossimo inverno?

La stagione invernale ha sempre degli strascichi importanti nei mesi di marzo ed aprile, con repentini ritorno del freddo, addirittura della neve anche in pianura. Ce lo dice la statistica e dunque non possiamo pensare che una settimana di primavera anticipata sia l'anticamera anche di un'estate precoce. 

Anzi, da quanto si evince osservando le mappe del modello americano stamane potremmo assistere a stravolgimenti importanti, già entro giovedì 4 o venerdì 5 marzo. Partiamo con uno schema barico che da giorni viene ipotizzato, ma che non trova mai la convergenza definitiva per essere considerato quello giusto: cioè la replica di quanto successo a metà febbraio, con l'alta pressione sbilanciata verso nord e l'aria fredda a tentare di rientrare da est!

  

Addirittura l'emissione ufficiale e quella di controllo segnalano che questa massa d'aria gelida di origine artica continentale, andrebbe ad interagire con depressioni atlantiche in movimento basso verso l'Iberia e poi l'Italia portando maltempo e neve a quote anche basse al nord, come si nota qui:

L'attendibilità però di questa linea di tendenza è ancora decisamente bassa (il 20% delle emissioni odierne), mentre tra venerdì 5 e domenica 7 marzo prevale una linea modestamente perturbata di origine atlantica, tipo quella che vediamo qui sotto:

Anche la media degli scenari infatti propone una soluzione del genere sempre tra 5 e 7 marzo: correnti mediamente occidentali leggermente ondulate con una blanda circolazione depressionaria al suolo, tutta da verificare peraltro.

Che risvolti piovosi ci attendiamo in quel frangente? Ecco dove potrebbe risultare più probabile (accumuli superiori ai 5mm), come vedete siamo ancora su percentuali un po' bassine:

Confortante vedere il possibile ritorno di una spruzzata di neve sulle Alpi, vista come sufficientemente attendibile, mentre potrebbe essere difficile rivedere fiocchi sino in pianura, possibilità quasi zero al momento:

RIASSUMENDO
-probabile cambiamento del tempo entro il 4-5 marzo (più difficile prima) 60%
-possibile fase debolmente perturbata entro domenica 7 marzo con moderato calo termico (45-55%)
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum