Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Alta pressione a "farfalle" sulla Scandinavia, nel prossimo weekend giù i termometri, specie al nord

Nuova fase fresca e instabile in vista sugli orizzonti italiani. La colonnina di mercurio scenderà nel corso del prossimo fine settimana accompagnandosi ad una certa accentuazione dell'instabilità, soprattutto al nord.

In primo piano - 6 Aprile 2010, ore 14.16

Alta pressione a farfalle. Non è passato molto tempo dagli anni in cui l'incubo onnipresente di un anticiclone anomalo tendeva ad ogni occasione la trappola alle nostre stagioni riducendole tutte e quattro ad un'unica grande estate o quasi. Eppure la natura ha dato dimostrazione (se ancora ce ne fosse bisogno) di saper trovare sempre nuovi equilibri. In questo caso, o meglio, in questa nuova fase perchè di questa a conti fatti si tratta, dobbiamo imparare a discernere nuovi scenari, e a convivere con i nuovi protagonisti del nostro tempo. Senza scomodare inutilmente global warming, sole, CO2 e quant'altro, dobbiamo anzitutto prendere atto di queste frequenti sbandate anticicloniche che inducono a smuovere impulsi più o meno reglari di aria instabile verso il traguardo mediterraneo. Una tale manovra pare debba compiersi anche a cavallo del prossimo fine settimana allorquando il ciclope del bel tempo, anzichè distendersi lungo i paralleli e rilassarsi sul Mare Nostrum, andrà a ergersi lungo i meridiani, salvo andare a coricarsi poco oltre il Circolo Polare Artico e ripiegare sulla penisola Scandinava. Le zone che abbiamo citato sono tutte occupate da aria fredda. E proprio quest'aria fredda verrà scalzata dalla figura di bel tempo e scivolerà inevitabilmente verso l'Europa centrale e il Mediterraneo. Il tutto, se dovesse andare secondo i piani che la maggior parte delle nostre carte ci suggerisce, ci procurerà un nuovo calo delle temperature, nonchè una nuova acutizzazzione dell'instabilità atmosferica. La posizione geografica del nostro Paese renderà maggiormente vulnerabile a questo nuovo scenario il nord Italia, dove la colonnina di mercurio, non ancora riuscita a salire su valori consoni al periodo, tornerà a scendere riallontanando di fatto gli sviluppi della primavera. Saranno possibili anche rovesci sparsi e qualche nevicata sulle Alpi oltre i 1000-1200 metri di quota, segnatamente domenica. Il centro e il sud verranno interessati in seconda istanza e se la giocheranno con un generale rinforzo del vento e con un calo termico complessivamente più contenuto, soprattutto sui versanti tirrenici e sulle Isole Maggiori. Più bassa inoltre, rispetto al nord, la probabilità di precipitazioni, a causa di un abbaccio più marginale da parte della struttura depressionaria portante in piena azione sull'Europa transalpina.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum