Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "l'estate che non decolla ha una spiegazione e le prospettive non sono buone"

Quando una stagione prende una piega inusuale...

Editoriali - 9 Giugno 2023, ore 09.17

L'estate è partita con il piede sbagliato e le motivazioni sono molteplici. Si chiama in causa la legge della compensazione che è più altro empirica che fondata su base scientifiche, altrimenti il Sahara non sarebbe un deserto. (Anche se c'è stato un tempo in cui non lo è stato e faceva ancora più caldo di oggi).

L'anomalia che si sta riscontrando poggia innanzitutto su un posizionamento inusuale dell'anticiclone europeo, che da settimane si è praticamente stabilito a ridosso del Regno Unito, determinando una situazione di siccità su tutto il centro Europa. 

La seconda anomalia è legata ad una scarsa risalita verso nord della linea di convergenza subtropicale, cosa che solitamente avviene proprio nel periodo tra giugno e luglio; in questo modo l'anticiclone africano non riesce ad ergersi sul Mediterraneo a a proteggerlo dall'arrivo delle figure depressionarie o dal passaggio di impulsi temporaleschi.

Più che un'anomalia questo sembra quasi un ritorno agli anni 80, quando il caldo vero nella prima parte di stagione si limitava a qualche fiammata, per poi diventare più importante dalla seconda decade di luglio sino alla prima metà di agosto, per poi cedere il passo ancora ai temporali e alla frescura (da qui il detto temporale d'agosto rinfresca il bosco).

La terza anomalia è la facilità con cui si formino depressioni nell'area mediterranea, soprattutto a ridosso delle regioni centrali e meridionali, in risalita verso Emilia-Romagna e regioni di nord-est. Se fossimo stati alla fine dell'estate avremmo vissuto situazioni potenzialmente alluvionali perchè il mare più caldo avrebbe reagito determinando la formazione di nuclei temporaleschi molto potenti e carichi di pioggia abbondante.

Per fortuna ora la "reazione" del mare è timida, contenuta da acque ancora relativamente fresche. 

E come evolverà la situazione? 
Ci sono tre passaggi chiave da qui alla fine del mese che val la pena di prendere in considerazione: 
1 la situazione depressionaria che verrà a configurarsi tra martedì 13 e sabato 17, di cui vediamo qui sotto una mappa d'esempio centrata per metà settimana, dove si vede l'anticiclone delle Azzorre visibilmente sbilanciato verso nord:

2 il passaggio ad una fase più dinamica da ovest con vortici depressionari che, approfittando della scarsa propensione dell'anticiclone a difendere il Mediterraneo, si infilano da ovest sull'Italia centro-settentrionale tra lunedì 19 e giovedì 22 giugno, come vediamo qui sotto:

3 solo sul finire del mese, da sabato 24 in poi, con molta fatica, i disturbi temporaleschi da ovest prenderanno la strada del centro Europa, grazie alla risalita della cintura anticiclonica subtropicale, limitandosi a lambire il settentrione, specie il nord-est, ma è una situazione molto lontana nel tempo, quasi inserita di "default" dei modelli e dunque suscettibile di variazioni. 

La verità è che nessuno sa quando l'anomalia andrà scemando e si tornerà ai caldi estivi abituali. Sino al 20 giugno comunque di caldo vero non ne sperimenteremo, questo sembra ormai assodato.

 

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum