Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - Situazione innevamento sulle Alpi
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

Situazione innevamento sulle Alpi
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 221, 222, 223  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
gemi65
***SUPER FORUMISTA TOP***


Registrato: 09/11/11 12:31
Messaggi: 38985
Residenza: Treia-Macerata

MessaggioInviato: Mon Jul 04, 2022 8:35 am    Oggetto: Rispondi citando

https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/07/04/marmolada-la-testimonianza-del-soccorritore-mai-visto-crollare-una-massa-cosi-grande-di-ghiaccio/6648813/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/07/03/marmolada-il-momento-del-crollo-del-blocco-di-ghiaccio-video/6648416/?pl_id=3&pl_type=category


Top
Profilo Invia messaggio privato
giulys
Forumista senior


Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 7906
Residenza: Torino - Lucento

MessaggioInviato: Tue Jul 05, 2022 12:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

Veramente una grande tragedia.
Il grande caldo e la quasi mancanza di precipitazioni invernali hanno aggravato di molto la situazione.
Trovo solo strano che vista la posizione ed il fatto che si fosse formato un largo crepaccio, sintomo di scivolamento verso il basso, non fosse stato messo sotto controllo.

La situazione dei ghiacciai sta diventando sempre più tragica.
Posto alcune immagini prese da Pont Valsavarenche verso il ghiacciaio del Grand Etret che ne dimostrano la rapida dissoluzione.

3 settembre 2009


26 settembre 2015


31 luglio 2020


Oggi 5 luglio 2022




Ancora più impressionante l'evoluzione nel tempo del ghiacciaio del Ciarforon, stessa zona delle precedenti immagini.
La foto di sinistra probabilmente risale a fine 800 l'altra è dei giorni nostri o quasi.


Questa è del 1917


Top
Profilo Invia messaggio privato
lities
*Forumista TOP*


Registrato: 05/02/13 19:12
Messaggi: 9609
Residenza: cantoira (to) 800 m. slm

MessaggioInviato: Thu Jul 07, 2022 7:40 am    Oggetto: Rispondi citando

Impressionante mattanza Shocked


Top
Profilo Invia messaggio privato
giulys
Forumista senior


Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 7906
Residenza: Torino - Lucento

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 9:46 am    Oggetto: Rispondi citando

Credo che alla fine di questa "tragica" estate, del ghiacciaio del Ciardoney resterà ben poco.
Guardate quanta acqua di fusione già al mattino.



Top
Profilo Invia messaggio privato
erboss
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 5051
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 9:52 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie sempre x questi contributi.
Le immagini non hanno bisogno di parole


Top
Profilo Invia messaggio privato
matteo**



Registrato: 27/01/09 08:24
Messaggi: 2451
Residenza: Besate(mi)

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 10:00 am    Oggetto: Rispondi citando

erboss ha scritto:
Grazie sempre x questi contributi.
Le immagini non hanno bisogno di parole


Concordo, grazie per gli aggiornamenti
Allucinante situazione
Che nervi Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad


Top
Profilo Invia messaggio privato
manu73
*Forumista TOP*


Registrato: 29/11/12 14:46
Messaggi: 10378
Residenza: orobie val brembana

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 10:29 am    Oggetto: Rispondi citando

giulys ha scritto:
Credo che alla fine di questa "tragica" estate, del ghiacciaio del Ciardoney resterà ben poco.
Guardate quanta acqua di fusione già al mattino.



SI, l'abbinamento di un inverno inesistente nel versante sud Alpino (con assenza di neve e zero termico in svariate fasi a 4000m), una primavera poco piovosa e poco nevosa, un estate iniziata a metà maggio e che non ha bisogno di commenti, una fase di ablazione che proseguirà fin verso Novembre sarà fatale e definitiva per molti ghiacciai alpini minori e posizionati sotto i 3500m....devastati saranno comunque anche quelli posizionati a quote superiori.

Sarà un annata nefasta sul fronte glaciale in un processo inesorabile e molto rapido


Top
Profilo Invia messaggio privato
matteo**



Registrato: 27/01/09 08:24
Messaggi: 2451
Residenza: Besate(mi)

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 10:32 am    Oggetto: Rispondi citando

Speriamo seguano autunni ed inverni piovosi e nevosi cosi da rallentare il processo di scioglimento


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
*Forumista TOP*


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 25864
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 10:38 am    Oggetto: Rispondi citando

matteo** ha scritto:
Speriamo seguano autunni ed inverni piovosi e nevosi cosi da rallentare il processo di scioglimento

I processi di formazione dei ghiacciai hanno tempi lunghissimi,
anche seguissero semestri nevosi essi non potranno risanare il deficit
se poi le estati saranno queste, andrebbe meglio visivamente agli inizi della stagione calda
ma poi il bilancio settembrino sarebbe lo stesso.
Occorre una lunga, lunghissima fase col mix semestre freddo generoso ed estati
vecchio stile, allora forse tra 100/200 anni si assisterà ad un riequilibro
e tentativo di recupero .


Top
Profilo Invia messaggio privato
matteo**



Registrato: 27/01/09 08:24
Messaggi: 2451
Residenza: Besate(mi)

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 11:22 am    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
matteo** ha scritto:
Speriamo seguano autunni ed inverni piovosi e nevosi cosi da rallentare il processo di scioglimento

I processi di formazione dei ghiacciai hanno tempi lunghissimi,
anche seguissero semestri nevosi essi non potranno risanare il deficit
se poi le estati saranno queste, andrebbe meglio visivamente agli inizi della stagione calda
ma poi il bilancio settembrino sarebbe lo stesso.
Occorre una lunga, lunghissima fase col mix semestre freddo generoso ed estati
vecchio stile, allora forse tra 100/200 anni si assisterà ad un riequilibro
e tentativo di recupero .

Rolling Eyes


Top
Profilo Invia messaggio privato
maxtempesta



Registrato: 15/09/13 21:04
Messaggi: 770
Residenza: riccia (CB)

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 1:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

questa foto l'ho scattata 1 settimana fa dal colle del nivolet
[img][/img]
quest'altra è il ghiacciaio del monte bianco visto dallo skyway punta helbronner
[img][/img]
[img][/img]
lago miage con ghiacciaio, si vedevano e si sentivano proprio le pietre staccarsi e scendere nel lago
[img][/img]
ancora colle nivolet
[img][/img]
sulo sfondo dovrebbe essere il lago di ceresole reale
[/img]


Top
Profilo Invia messaggio privato
lities
*Forumista TOP*


Registrato: 05/02/13 19:12
Messaggi: 9609
Residenza: cantoira (to) 800 m. slm

MessaggioInviato: Fri Jul 15, 2022 1:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Bravo max!
L'ultima foto la cresta spartiacque tra la Valle dell'Orco (Ceresole) e la Val Grande di Lanzo dove abito Very Happy


Top
Profilo Invia messaggio privato
Serenovariabile



Registrato: 30/09/21 18:11
Messaggi: 87
Residenza: Legnano

MessaggioInviato: Mon Jul 18, 2022 5:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
matteo** ha scritto:
Speriamo seguano autunni ed inverni piovosi e nevosi cosi da rallentare il processo di scioglimento

I processi di formazione dei ghiacciai hanno tempi lunghissimi,
anche seguissero semestri nevosi essi non potranno risanare il deficit
se poi le estati saranno queste, andrebbe meglio visivamente agli inizi della stagione calda
ma poi il bilancio settembrino sarebbe lo stesso.
Occorre una lunga, lunghissima fase col mix semestre freddo generoso ed estati
vecchio stile, allora forse tra 100/200 anni si assisterà ad un riequilibro
e tentativo di recupero .

Ma anche no. Anche molto meno di 100 anni. Non siamo ai poli: alle nostre latitudini la formazione del ghiaccio dalla neve, viene facilitata e velocizzata dai continui processi di parziale fusione e solidificazione durante la stagione invernale


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
*Forumista TOP*


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 25864
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Mon Jul 18, 2022 5:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Serenovariabile ha scritto:
picchio70 ha scritto:
matteo** ha scritto:
Speriamo seguano autunni ed inverni piovosi e nevosi cosi da rallentare il processo di scioglimento

I processi di formazione dei ghiacciai hanno tempi lunghissimi,
anche seguissero semestri nevosi essi non potranno risanare il deficit
se poi le estati saranno queste, andrebbe meglio visivamente agli inizi della stagione calda
ma poi il bilancio settembrino sarebbe lo stesso.
Occorre una lunga, lunghissima fase col mix semestre freddo generoso ed estati
vecchio stile, allora forse tra 100/200 anni si assisterà ad un riequilibro
e tentativo di recupero .

Ma anche no. Anche molto meno di 100 anni. Non siamo ai poli: alle nostre latitudini la formazione del ghiaccio dalla neve, viene facilitata e velocizzata dai continui processi di parziale fusione e solidificazione durante la stagione invernale

Affinché si inizi a formare del ghiaccio dalle caratteristiche porose di un ghiacciaio,
occorrono in media 5 anni sotto l'effetto della compressione di circa 20mt di neve.
Ora tu dimmi quanti anni ci vogliono, ammettendo che ci siano le condizioni
climatiche, cosa irrealizzabile, per ripristinare un ghiacciaio nella sua condizione originale
o di quella di 50/60 anni fa.


Top
Profilo Invia messaggio privato
giulys
Forumista senior


Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 7906
Residenza: Torino - Lucento

MessaggioInviato: Mon Jul 18, 2022 6:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Un altro esempio della rapida fusione causata dalle alte temperature.

Ecco un ramo del Torrente Stura ai 1800mt del Pian della Mussa, che scende tumultuoso e torbido a causa del rapido scioglimento dei pochi nevai rimasti e del Ghiacciaio della Ciamarella, anch'esso ormai ridotto ai minimi termini.



Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 221, 222, 223  Successivo
Pagina 222 di 223

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it