Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - GW: una realtà accertata! Ma quanto sappiamo su effetti e conseguenze?
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

GW: una realtà accertata! Ma quanto sappiamo su effetti e conseguenze?
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 92, 93, 94, 95  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2414
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Wed Sep 22, 2021 10:40 am    Oggetto: Rispondi citando

Daniele87 ha scritto:
Sordatino ha scritto:

Non ce la dicono Laughing ? Ad ogni modo, se hai trovato un'analisi comparativa attendibile (= pubblicata su riviste scientifiche, sottoposta a peer review e non smentita) fra stazioni in tutto il Mondo che dimostra come il warming sia solo l'effetto di vizi strumentali postala pure, così almeno ci facciamo un'idea.

Nel frattempo, per quanto può valere l'opinione di uno che ha poco chiari i concetti, ritengo che sia non solo legittimo, ma doveroso rilevare la T anche laddove vi è stata una progressiva antropizzazione anche per meglio comprendere il nostro impatto sul territorio e provare a mitigarlo.


Scusa la tardiva risposta eccoti uno studio effettuato in UK e Giappone, due isole appunto, non condizionate da "vicini" se non dall'oceano stesso e mette in correlazione l'energia consumata con l'aumento delle temperature
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1002/2016EF000352

Qui sotto la mappa delle stazioni di rilevamento che vengono utilizzate per il calcolo della temperatura globale:
https://daac.ornl.gov/CLIMATE/guides/CDIAC_NDP41.html

Il 40% delle stazioni utilizzate ha più di 50 anni di operatività, un'enormità considerando quanto siamo aumentati e quanto abbiamo costruito e cementificato...attorno a queste stazioni!

P.S. Sordatino, dovresti smetterla secondo me di prendere per idiota o complottaro chi non la pensa come te. Nel mio piccolo non mi fermo alla notizia del TG, ma faccio qualche ricerca...e scopro che:

1- Il record di caldo in Sicilia è stato ufficializzato, ma ci sono stati in passato altri 4 rilevamenti di temperatura più caldi, 3 dei quali in Spagna, per citarne uno: https://www.thinkspain.com/news-spain/31588/heatwave-to-hit-spain-exactly-84-years-after-53oc-inferno-in-zaragoza

2- È già piovuto oltre i 3000 metri sulla calotta polare Artica, precisamente nel Giugno del 1950...

...ma la climate change propaganda continua...


Ciao, ho letto l'articolo dell'AGU.
Sicuramente è interessante, però lascia aperti molti interrogativi:

1) la correlazione non implica un rapporto di causa-effetto.
Per cui sicuramente questi risultati andrebbero modellizzati per capire se il calore prodotto dall'urbanizzazione sia in grado di spiegare la correlazione osservata.
Nello studio questo non è fatto e ci sono molte altre variabili che potrebbero influenzare i dati (ad esempio variazioni della circolazione atmosferica e oceanica).

2) L'uso di modelli climatici globali per previsioni locali non è granchè affidabile.
Non è un caso che attualmente, per questo tipo di studi locali, vengano usati modelli climatici regionali (RCM).
Per cui non mi stupisce che le proiezioni CMIP5 non abbiano un'altissima correlazione con i dati nazionali osservati.

3) L'articolo dice che le isole sono i luoghi più adatti per questo tipo di studi.
Siamo sicuri che sia effettivamente così?

La circolazione atmosferica non è chiusa in qualsiasi nazionee. le variazioni oceaniche hanno sicuramente una grande influenza sul clima delle nazioni oceaniche.
M


Top
Profilo Invia messaggio privato
Sordatino



Registrato: 20/02/18 13:28
Messaggi: 1497
Residenza: Roma Flaminio

MessaggioInviato: Wed Sep 22, 2021 11:35 am    Oggetto: Rispondi citando

Che poi scusate, anche a voler credere che si tratti di una macchinazione dei GiOrNaLonI dELLe LoBBy, l'IPCC e il suo ultimo report dove li mettiamo?

Tutti venduti/prezzolati anche lì (del resto questa era la tesi di Foiano e del suo alias)?

Abbiamo idea di quali siano i numeri dell'IPCC?

Codice:
AR6 Working Group I in numbers

234 authors from 66 countries

31 – coordinating authors
167 – lead authors
36 – review editors
plus

517 – contributing authors
Over 14,000 cited references

A total of 78,007 expert and government review comments

(First Order Draft 23,462; Second Order Draft 51,387; Final Government Distribution: 3,158)


About the IPCC

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is the UN body for assessing the science related to climate change. It was established by the United Nations Environment Programme (UNEP) and the World Meteorological Organization (WMO) in 1988 to provide political leaders with periodic scientific assessments concerning climate change, its implications and risks, as well as to put forward adaptation and mitigation strategies. In the same year the UN General Assembly endorsed the action by the WMO and UNEP in jointly establishing the IPCC. It has 195 member states.

Thousands of people from all over the world contribute to the work of the IPCC. For the assessment reports, IPCC scientists volunteer their time to assess the thousands of scientific papers published each year to provide a comprehensive summary of what is known about the drivers of climate change, its impacts and future risks, and how adaptation and mitigation can reduce those risks.

The IPCC has three working groups: Working Group I, dealing with the physical science basis of climate change; Working Group II, dealing with impacts, adaptation and vulnerability; and Working Group III, dealing with the mitigation of climate change. It also has a Task Force on National Greenhouse Gas Inventories that develops methodologies for measuring emissions and removals. As part of the IPCC, a Task Group on Data Support for Climate Change Assessments (TG-Data) provides guidance to the Data Distribution Centre (DDC) on curation, traceability, stability, availability and transparency of data and scenarios related to the reports of the IPCC.


Quindi ricapitolando, è più credibile che siano elite e gruppi di potere - che stanno già benissimo come stanno - a forzare la mano sulla "favola" del climate change per ottenere non si sa bene cosa, che non l'evidenza dei dati prodotti ed esaminati da migliaia di esperti (che per carità, soprattutto facendo proiezioni possono sbagliare, ma - salvo prova contraria, che allo stato non esiste - sempre in buona fede).

Ooooook Laughing Laughing Laughing Laughing

iL GrAnDe ReSeT!!!!!!111

Poi non piagnucolate se vi danno dei complottari.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Gorky Park



Registrato: 15/01/07 17:02
Messaggi: 1002
Residenza: Roma - Parco Azzurro

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 6:43 am    Oggetto: Rispondi citando

Sordatino ha scritto:
Che poi scusate, anche a voler credere che si tratti di una macchinazione dei GiOrNaLonI dELLe LoBBy, l'IPCC e il suo ultimo report dove li mettiamo?

Tutti venduti/prezzolati anche lì (del resto questa era la tesi di Foiano e del suo alias)?

Abbiamo idea di quali siano i numeri dell'IPCC?

Codice:
AR6 Working Group I in numbers

234 authors from 66 countries

31 – coordinating authors
167 – lead authors
36 – review editors
plus

517 – contributing authors
Over 14,000 cited references

A total of 78,007 expert and government review comments

(First Order Draft 23,462; Second Order Draft 51,387; Final Government Distribution: 3,158)


About the IPCC

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is the UN body for assessing the science related to climate change. It was established by the United Nations Environment Programme (UNEP) and the World Meteorological Organization (WMO) in 1988 to provide political leaders with periodic scientific assessments concerning climate change, its implications and risks, as well as to put forward adaptation and mitigation strategies. In the same year the UN General Assembly endorsed the action by the WMO and UNEP in jointly establishing the IPCC. It has 195 member states.

Thousands of people from all over the world contribute to the work of the IPCC. For the assessment reports, IPCC scientists volunteer their time to assess the thousands of scientific papers published each year to provide a comprehensive summary of what is known about the drivers of climate change, its impacts and future risks, and how adaptation and mitigation can reduce those risks.

The IPCC has three working groups: Working Group I, dealing with the physical science basis of climate change; Working Group II, dealing with impacts, adaptation and vulnerability; and Working Group III, dealing with the mitigation of climate change. It also has a Task Force on National Greenhouse Gas Inventories that develops methodologies for measuring emissions and removals. As part of the IPCC, a Task Group on Data Support for Climate Change Assessments (TG-Data) provides guidance to the Data Distribution Centre (DDC) on curation, traceability, stability, availability and transparency of data and scenarios related to the reports of the IPCC.


Quindi ricapitolando, è più credibile che siano elite e gruppi di potere - che stanno già benissimo come stanno - a forzare la mano sulla "favola" del climate change per ottenere non si sa bene cosa, che non l'evidenza dei dati prodotti ed esaminati da migliaia di esperti (che per carità, soprattutto facendo proiezioni possono sbagliare, ma - salvo prova contraria, che allo stato non esiste - sempre in buona fede).

Ooooook Laughing Laughing Laughing Laughing

iL GrAnDe ReSeT!!!!!!111

Poi non piagnucolate se vi danno dei complottari.



Lascia stare…sono alla stregua delle fiabe dei no vax.

Fuori c’è una follia meteo che dura da più di tre mesi, ciliegina sul trend degli ultimi 30anni.


Top
Profilo Invia messaggio privato
gemi65
***SUPER FORUMISTA TOP***


Registrato: 09/11/11 12:31
Messaggi: 36499
Residenza: Treia-Macerata

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 9:20 am    Oggetto: Rispondi citando

https://video.repubblica.it/gediwatch/frutti-tropicali-a-km-zero-l-avocado-e-made-in-sicilia/396740/397450?video&ref=RHTP-BH-I0-P1-S3-T1
PS: qui da me fichi d'India giunti a maturazione.
Wink


Top
Profilo Invia messaggio privato
andi8



Registrato: 20/09/21 15:49
Messaggi: 13
Residenza: mestre

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 9:21 am    Oggetto: Rispondi citando

Sordatino ha scritto:
Che poi scusate, anche a voler credere che si tratti di una macchinazione dei GiOrNaLonI dELLe LoBBy, l'IPCC e il suo ultimo report dove li mettiamo?

Tutti venduti/prezzolati anche lì (del resto questa era la tesi di Foiano e del suo alias)?

Abbiamo idea di quali siano i numeri dell'IPCC?

Codice:
AR6 Working Group I in numbers

234 authors from 66 countries

31 – coordinating authors
167 – lead authors
36 – review editors
plus

517 – contributing authors
Over 14,000 cited references

A total of 78,007 expert and government review comments

(First Order Draft 23,462; Second Order Draft 51,387; Final Government Distribution: 3,158)


About the IPCC

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is the UN body for assessing the science related to climate change. It was established by the United Nations Environment Programme (UNEP) and the World Meteorological Organization (WMO) in 1988 to provide political leaders with periodic scientific assessments concerning climate change, its implications and risks, as well as to put forward adaptation and mitigation strategies. In the same year the UN General Assembly endorsed the action by the WMO and UNEP in jointly establishing the IPCC. It has 195 member states.

Thousands of people from all over the world contribute to the work of the IPCC. For the assessment reports, IPCC scientists volunteer their time to assess the thousands of scientific papers published each year to provide a comprehensive summary of what is known about the drivers of climate change, its impacts and future risks, and how adaptation and mitigation can reduce those risks.

The IPCC has three working groups: Working Group I, dealing with the physical science basis of climate change; Working Group II, dealing with impacts, adaptation and vulnerability; and Working Group III, dealing with the mitigation of climate change. It also has a Task Force on National Greenhouse Gas Inventories that develops methodologies for measuring emissions and removals. As part of the IPCC, a Task Group on Data Support for Climate Change Assessments (TG-Data) provides guidance to the Data Distribution Centre (DDC) on curation, traceability, stability, availability and transparency of data and scenarios related to the reports of the IPCC.


Quindi ricapitolando, è più credibile che siano elite e gruppi di potere - che stanno già benissimo come stanno - a forzare la mano sulla "favola" del climate change per ottenere non si sa bene cosa, che non l'evidenza dei dati prodotti ed esaminati da migliaia di esperti (che per carità, soprattutto facendo proiezioni possono sbagliare, ma - salvo prova contraria, che allo stato non esiste - sempre in buona fede).

Ooooook Laughing Laughing Laughing Laughing

iL GrAnDe ReSeT!!!!!!111

Poi non piagnucolate se vi danno dei complottari.

IPCC è un organo creato da una certa parte politica e dall'ONUper dimostrare il riscaldamento globale antropico, ti pare che possano pubblicare dati che vanno contro a questa tesi, che pure ci sono e sostenuti da illustri climatologi e scienziati. Se io lavoro in una struttura creata ad hoc per dimostrare quello non potrò mai pubblicare articoli contrari a questa tesi


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2414
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 10:08 am    Oggetto: Rispondi citando

andi8 ha scritto:
Sordatino ha scritto:
Che poi scusate, anche a voler credere che si tratti di una macchinazione dei GiOrNaLonI dELLe LoBBy, l'IPCC e il suo ultimo report dove li mettiamo?

Tutti venduti/prezzolati anche lì (del resto questa era la tesi di Foiano e del suo alias)?

Abbiamo idea di quali siano i numeri dell'IPCC?

Codice:
AR6 Working Group I in numbers

234 authors from 66 countries

31 – coordinating authors
167 – lead authors
36 – review editors
plus

517 – contributing authors
Over 14,000 cited references

A total of 78,007 expert and government review comments

(First Order Draft 23,462; Second Order Draft 51,387; Final Government Distribution: 3,158)


About the IPCC

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is the UN body for assessing the science related to climate change. It was established by the United Nations Environment Programme (UNEP) and the World Meteorological Organization (WMO) in 1988 to provide political leaders with periodic scientific assessments concerning climate change, its implications and risks, as well as to put forward adaptation and mitigation strategies. In the same year the UN General Assembly endorsed the action by the WMO and UNEP in jointly establishing the IPCC. It has 195 member states.

Thousands of people from all over the world contribute to the work of the IPCC. For the assessment reports, IPCC scientists volunteer their time to assess the thousands of scientific papers published each year to provide a comprehensive summary of what is known about the drivers of climate change, its impacts and future risks, and how adaptation and mitigation can reduce those risks.

The IPCC has three working groups: Working Group I, dealing with the physical science basis of climate change; Working Group II, dealing with impacts, adaptation and vulnerability; and Working Group III, dealing with the mitigation of climate change. It also has a Task Force on National Greenhouse Gas Inventories that develops methodologies for measuring emissions and removals. As part of the IPCC, a Task Group on Data Support for Climate Change Assessments (TG-Data) provides guidance to the Data Distribution Centre (DDC) on curation, traceability, stability, availability and transparency of data and scenarios related to the reports of the IPCC.


Quindi ricapitolando, è più credibile che siano elite e gruppi di potere - che stanno già benissimo come stanno - a forzare la mano sulla "favola" del climate change per ottenere non si sa bene cosa, che non l'evidenza dei dati prodotti ed esaminati da migliaia di esperti (che per carità, soprattutto facendo proiezioni possono sbagliare, ma - salvo prova contraria, che allo stato non esiste - sempre in buona fede).

Ooooook Laughing Laughing Laughing Laughing

iL GrAnDe ReSeT!!!!!!111

Poi non piagnucolate se vi danno dei complottari.

IPCC è un organo creato da una certa parte politica e dall'ONUper dimostrare il riscaldamento globale antropico, ti pare che possano pubblicare dati che vanno contro a questa tesi, che pure ci sono e sostenuti da illustri climatologi e scienziati. Se io lavoro in una struttura creata ad hoc per dimostrare quello non potrò mai pubblicare articoli contrari a questa tesi


1) è un discorso un po' complottistico.
La maggior parte dei governi sarebbe ben contenta se il cambiamento climatico non avesse prevalentemente origine antropica.
Gli investimenti per ridurre le emissioni sono veramente cospicui e non c'è alcun motivo per pensare che vengano fatti solo per arricchire le "lobby green".

2) l'IPCC non fa attività di ricerca. L'IPCC revisiona gli articoli scientifici pubblicati sulle riviste scientifiche e produce report che vengono pubblicati.

3) Quasi la totalità degli enti scientifici di tutto il mondo concorda che il riscaldamento globale sia d'origine antropica.

Il consenso non implica che la teoria sia per vera, però ad oggi manca un vero modello alternativo all'AGW.

4) le ricerche sull'influenza dei gas serra sul clima sono state fatte ben prima della nascita dell'IPCC.
Le prime ricerche risalgono a fine 1800.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Sordatino



Registrato: 20/02/18 13:28
Messaggi: 1497
Residenza: Roma Flaminio

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 11:26 am    Oggetto: Rispondi citando

La cosa che più mi fa ridere di queste ipotesi strampalate di macchinazioni mondiali è come presuppongano che le entità finanziarie che stanno dietro a carbone, petrolio etc. siano delle povere piccole vittime indifese del complotto green ordito dalle potenti lobby che stanno dietro alle rinnovabili.

Peccato che siano esattamente le stesse figure, dato che ormai da anni anche chi produce energia tradizionale si è ampiamente mosso sul campo di quelle a minori/zero emissioni.

Si chiama diversificazione degli investimenti, è un concetto base dell'economia d'impresa, ma mi rendo conto che per l'intelligenza (?) di alcuni è più gratificante credere alle postverità e ai noncelodicono.


Top
Profilo Invia messaggio privato
andi8



Registrato: 20/09/21 15:49
Messaggi: 13
Residenza: mestre

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 1:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sordatino ha scritto:
La cosa che più mi fa ridere di queste ipotesi strampalate di macchinazioni mondiali è come presuppongano che le entità finanziarie che stanno dietro a carbone, petrolio etc. siano delle povere piccole vittime indifese del complotto green ordito dalle potenti lobby che stanno dietro alle rinnovabili.

Peccato che siano esattamente le stesse figure, dato che ormai da anni anche chi produce energia tradizionale si è ampiamente mosso sul campo di quelle a minori/zero emissioni.

Si chiama diversificazione degli investimenti, è un concetto base dell'economia d'impresa, ma mi rendo conto che per l'intelligenza (?) di alcuni è più gratificante credere alle postverità e ai noncelodicono.

Tu che ti reputi con la verità in tasca leggiti questo articolo a proposito di energie "green":
https://www.liberoquotidiano.it/news/economia/28749172/bollette-ecco-chi-guadagna-grazie-rincari-nomi-chi-fa-soldi-sulla-pelle-italiani.html
ma ovviamente sono "fake"!


Top
Profilo Invia messaggio privato
Sordatino



Registrato: 20/02/18 13:28
Messaggi: 1497
Residenza: Roma Flaminio

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 2:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Eccerto, perché Libero è una fonte affidabile ed imparziale, no? Laughing

Non è la forte domanda energetica industriale dovuta alla ripartenza dopo il Covid a favorire la salita dei prezzi - domanda e offerta, altro concetto base dell'economia, non so se hai presente - no no, è la lobby green che vuole affamarci con il bilderberg Laughing

Io non ho alcuna verità in tasca, studio e mi attengo a quello che dicono gli studiosi, non i giornaloni né tantomeno i giornalacci smaccatamente schierati come Libero, che l'anno scorso - tanto perché affronta tematiche complesse con serietà e rigore - nell'arco di una sola settimana è riuscito a titolare " PROVE TECNICHE DI STRAGE DI STATO" e "VIRUS: ORA SI ESAGERA - DIAMOCI TUTTI UNA CALMATA".





Rolling Eyes


Top
Profilo Invia messaggio privato
GiulianoPhoto
Forumista senior


Registrato: 29/04/09 19:10
Messaggi: 6133
Residenza: Reano[450m][TO]

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 2:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Libero...

Perfetto per assorbire l'urina degli animali domestici Laughing


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 21569
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 5:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Qualcosa è cambiato, su questo non c'è dubbio,
resta da stabilire, ma ci vogliono dati in un senso o nell'altro,
se tutto ciò sia mai accaduto o rientra in un ciclo( climatologicamente
non verificabile con dati certi, parliamo di migliaia di anni)
e quindi già verificatosi pur in assenza del contributo umano.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Sordatino



Registrato: 20/02/18 13:28
Messaggi: 1497
Residenza: Roma Flaminio

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 6:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Picchio, non posso che concordare al 100%, ma proprio per questo trovo assurdo che si derubrichi la questione a mera querelle politico-economica (aspetti della vicenda senz'altro importantissimi ma che rimangono a margine dell'analisi scientifica) a maggior ragione laddove si consideri la - già ineccepibilmente evidenziata da The Hurricane - assenza allo stato di modelli alternativi all'AGW per dimostrare le eventuali cause naturali della fase che stiamo vivendo.

Ovviamente non ce l'ho con te ma con chi, da un lato, non accetta lo stato di cose e continua a ripetere come un mantra "già visto/già successo" (no amici miei, cento anni fa la situazione era ben altra come testimoniano la foto postata del ghiacciaio pressochè sparito e le tonnellate di dati che abbiamo a disposizione) e, dall'altro lato, reagisce alle esagerazioni giornalistiche con asserzioni di segno esattamente opposto che non trovano alcun riscontro nella realtà fattuale.


Top
Profilo Invia messaggio privato
picchio70
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 26/01/14 19:25
Messaggi: 21569
Residenza: Città Sant'Angelo 317mt

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 6:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sordatino ha scritto:
Ciao Picchio, non posso che concordare al 100%, ma proprio per questo trovo assurdo che si derubrichi la questione a mera querelle politico-economica (aspetti della vicenda senz'altro importantissimi ma che rimangono a margine dell'analisi scientifica) a maggior ragione laddove si consideri la - già ineccepibilmente evidenziata da The Hurricane - assenza allo stato di modelli alternativi all'AGW per dimostrare le eventuali cause naturali della fase che stiamo vivendo.

Ovviamente non ce l'ho con te ma con chi, da un lato, non accetta lo stato di cose e continua a ripetere come un mantra "già visto/già successo" (no amici miei, cento anni fa la situazione era ben altra come testimoniano la foto postata del ghiacciaio pressochè sparito e le tonnellate di dati che abbiamo a disposizione) e, dall'altro lato, reagisce alle esagerazioni giornalistiche con asserzioni di segno esattamente opposto che non trovano alcun riscontro nella realtà fattuale.

Ciao sordartino, premesso che siamo qui per confrontarci
in maniera civile.
Io sono del parere che le affermazioni in questa materia devono
avere dati a supporto, non sono sensazioni, i numeri parlano.
E dicono che da almeno 50 anni il clima si è scaldato in modo
ineccepibile, centinaia di dati a nostra disposizione oltre che alle constatazioni
personali dei più anziani di noi.
Ora il punto non è stabilire questo, ma cercare di capire se ciò sia attribuibile
alla sola azione dell'uomo oppure rientra in una ciclicità naturale seppur con contributo
umano decimale. Dalle mie lo letture la terra ha già attraversato ere calde, anche più calde di queste,così come quelle molto più fredde e ciò mi porta a non attribuire all'uomo
il riscaldamento attuale. Per il resto, giornali TV e quant'altro, io non li considero,
ne credo a complotti o non so che.


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3761
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 6:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
Qualcosa è cambiato, su questo non c'è dubbio,
resta da stabilire, ma ci vogliono dati in un senso o nell'altro,
se tutto ciò sia mai accaduto o rientra in un ciclo( climatologicamente
non verificabile con dati certi, parliamo di migliaia di anni)
e quindi già verificatosi pur in assenza del contributo umano.


certamente i ghiacciai Alpini nell estate del 1913 erano molto piu estesi rispetto a quelli odierni

che poi l estate del 1913 segue dopo una serie di stagioni estive molto fresche , e da una serie di inverni ben piu freddi/gelidi e nevosi fra il 1888 e 1912

come erano mediamente piu fresche/fredde anche le stagioni intermedie

basterebbe menzionare l AUTUNNO del 1912 IN ASSOLUTO il PIU freddo in Europa .

Poi , proprio l estate del 1913 una delle piu ' fredde' e piovose , esempio
a MILANO , TORINO , VENEZIA media stagionale estiva 1913 mediamente fra i + 21 e + 22 C. per cui inferiori le medie attuali di circa 2/3 Gradi , ovviamente con il clima mediamente piu caldo , dal 1988 i ghiacciai Alpini gradualmente hanno subito una rilevante fusione
questi sono solo alcuni dati , poiche quella estate del 1913 e' stata molto fresca anche al centro sud Italia , estati ben piu fresche fra il 1884 e 1923 molto ' simili ' all estati degli anni '70 , quando anche allora durabte gli anni '70 i ghiacciai Alpini erano ben piu estesi rispetto a quelli attuali

IL CLIMA dal 1880 si e' riscaldato a livello Globale di oltre + 1 C.

IN ITALIA invece di circa + 2 C. con il conseguente ritiro dei ghiacciai Alpini di oltre il 40/50 %.

Inoltre l ESTATE del 1913 e' in assoluto la PIU FREDDA a livello Europeo dal 1900




L'ultima modifica di robert il Thu Sep 23, 2021 7:12 pm, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
airsnow
Moderatore con potere di espulsione


Registrato: 27/03/20 11:55
Messaggi: 7830
Residenza: Novara

MessaggioInviato: Thu Sep 23, 2021 7:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

picchio70 ha scritto:
Dalle mie lo letture la terra ha già attraversato ere calde, anche più calde di queste,così come quelle molto più fredde e ciò mi porta a non attribuire all'uomo
il riscaldamento attuale.
Ciao picchio scusa se mi intrometto in questa discussione, ma come spiegheresti allora la velocità con cui sta avvenendo il repentino riscaldamento che stiamo vivendo ? Non penso che sia un caso il fatto che l’aumento di temperatura negli ultimi decenni sia coinciso in modo pressoché allineato con l’aumento della concentrazione di co2.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 92, 93, 94, 95  Successivo
Pagina 93 di 95

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it